Truffe ad assicurazioni: spaccaossa; 8 fermati e 23 indagati

817

Scoperti a Palermo dalla polizia nuovi casi di falsi incidenti

PALERMO. Un nuovo filone della cosiddetta truffa alle assicurazioni degli spaccaossa a Palermo.

Mentre sono ancora in corso processi con condanne in primo e secondo grado, gli agenti del commissariato Brancaccio hanno fermato otto persone e notificato 23 avvisi di garanzia.

Gli otto fermati sono accusati, a vario titolo, di fare parte di una presunta associazione criminale che, tra il 2017 e il 2020, si sarebbe resa responsabile di una serie di truffe a numerose compagnie di assicurazione relative a falsi incidenti stradali, tutti con feriti e fratture ai danni di decine di vittime, procurate con metodi violenti. Gli incidenti avevano tutti lo stesso copione, le vittime hanno denunciato di essere state investite mentre percorrevano vie cittadine in sella a biciclette.
Il “giro d’affari” economico che sarebbe stato gestito dall’ organizzazione è stato superiore ad alcuni milioni di euro che le compagnie assicurative hanno corrisposto, a titolo di risarcimento, per le gravi lesioni patite dai denuncianti. Le indagini hanno consentito di bloccare la liquidazione di alcuni indennizzi di falsi incidenti richiesti alle compagnie per centinaia di migliaia di euro. L’operazione della polizia di Stato è stata eseguita a Palermo e nelle province di Novara, Torino, Vercelli, Milano e Varese. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCovid: falsi green pass venduti a 300 euro, scatta blitz
Articolo successivoPonte sul fiume San Bartolomeo: “Autorizzato lo spostamento di 25 accropodi. In avvio la già autorizzata demolizione”