Fucili e pistole in casa, tre arresti nel palermitano

577

Operazione dei carabinieri a Misilmeri, due sono donne

MISILMERI. I Carabinieri della Compagnia di Misilmeri, insieme ai colleghi dello Squadrone Carabinieri Eliportato Cacciatori di “Sicilia”, nell’ambito di controlli finalizzati alla repressione dei reati in materia di armi e contro il patrimonio, hanno arrestato 3 persone del luogo, un 44enne e due donne di 42 e 61 anni, ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione abusiva di armi e munizionamento clandestine e di furto di energia elettrica

Nel corso delle perquisizioni, operate a Misilmeri presso le abitazioni degli arrestati, i militari hanno rinvenuto un fucile calibro 12 “Browning” con matricola abrasa, una carabina calibro 4.5, un fucile calibro 9 “Beretta”, due pistole modificate con canna perforata e prive di tappo rosso, una rivoltella “Italo Gra” calibro 22, una pistola semiautomatica “Bernardelli” calibro 7.65, un silenziatore e circa 300 munizioni di vario calibro. Le armi rinvenute e sequestrate saranno inviate al RIS dei Carabinieri di Messina per le analisi balistico-dattiloscopiche e per verificare se siano stata impiegate per la commissione di altri delitti.

Contestualmente, è stato arrestato per furto di energia elettrica un misilmerese di 39 anni.

Gli arresti sono stati convalidati dal Giudice per le Indagini Preliminari di Termini Imerese, che ha disposto, per i tre accusati in materia di armi, la misura cautelare degli arresti domiciliari.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo. Orari del Centro Vaccinale Paladangelo
Articolo successivoUcraina: famiglia fa appello a sindaco Palermo, aiutaci