Droga:latitante del gruppo San Cocimo arrestato nel Vibonese

357

Indagini carabinieri di Catania, sfuggito a blitz Quadrilatero

CATANIA. Il latitante Antonio Trentuno, di 28 anni, ritenuto elemento di spicco del gruppo di San Cocimo della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano, è stato arrestato a Vibo Valenzia da carabinieri del nucleo investigativo di Catania e da agenti della polizia della squadra mobile della locale Questura.

L’uomo era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip, su richiesta della Dda etnea, per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nell’ambito dell’operazione ‘Quadrilatero’, eseguita il 20 settembre 2021 da militari dell’Arma della compagnia di Catania Fontanarossa.

La sua latitanza è stata ‘monitorata, da carabinieri del reparto operativo del capoluogo etneo in collaborazione con il Servizio di cooperazione internazionale di polizia che ne hanno individuato la presenza tra l’Albania e la Grecia e il rientro in Sicilia. Ieri la polizia stradale di Vibo Valentia, tra gli svincoli di Pizzo e Sant’Onofrio dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, in direzione sud, ha controllato una vettura guidata da un calabrese già noto alle forze dell’ordine con a bordo il latitante che aveva documento di identità e Green pass falsificati. I due sono stati condotti negli uffici della squadra mobile. I poliziotti, in collaborazione con i carabinieri di Catania, sono riusciti ad accertare la reale identità del latitante siciliano che è stato arrestato assieme al suo fiancheggiatore accusato di favoreggiamento personale.
L’indagine ‘Quadrilatero’ aveva consentito di disarticolare i gruppi criminali che gestivano tre fiorenti ‘piazze di spaccio’ di sostanze stupefacenti radicate nella zona di San Cocimo dello storico rione San Cristoforo di Catania, considerata la ‘roccaforte’ degli affiliati all’omonimo gruppo capeggiato da Maurizio Zuccaro, organico alla ‘famiglia’ mafiosa di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarceri: 7 microcellulari in parti intime, denunciata donna
Articolo successivoMazara del Vallo. 6 persone denunciate dai Carabinieri. Altre due segnalate alla prefettura per droga