Il Movimento VIA critico sulle Amministrazioni di Erice e Trapani

352

TRAPANI. Il Movimento Via, attraverso i due coordinamenti comunali di Trapani ed Erice, fa sentire la propria voce politica analizzando la situazione amministrativa a Trapani ed Erice. Una lunga nota, quella affidata alla stampa, attraverso la quale ufficializza tutta una serie di cose che non vanno nei due territori amministrati da Giacomo Tranchida e da Daniela Toscano. A partire dal commissariamento del Comune di Trapani per quanto riguarda il bilancio previsionale 2021.

“Da Trapani ad Erice – scrivono i coordinamenti VIA – si assiste ad un balletto di personaggi e fatti che lasciano completamente sgomenti e avranno, come unico effetto, il sempre più chiaro allontanamento della politica dalle esigenze del cittadino“.

Una bocciatura netta, per i parametri di VIA, la merita il Sindaco di Trapani. La sua amministrazione viene ritenuta la peggiore in assoluto: “Abbiamo una amministrazione che “dimentica” di approvare il bilancio consuntivo 2020, per la cronaca siamo nel 2022, e viene commissariata; dimentica di approvare il bilancio previsionale 2021 e viene commissariata; viene fatta a pezzi da 56 pagine di relazione della Corte dei Conti e non si legge un fiato da nessuna parte – figurati sulla pagina istituzionale del Comune; scusate, quella serve per la campagna elettorale, che tonti. Però, l’amministrazione è attivissima a difendere opere indegne di essere definite tali, non certo per lo spirito, ben venga un progetto a favore degli ipovedenti anzi siamo palesemente in ritardo; ma per carità di patria dopo la pista ciclabile ad Erice torniamo ad essere ridicoli con i dossi di via Fardella!! Attendiamo il parere dei Vigili Urbani (non presente) sul rispetto delle norme nella loro realizzazione e nel frattempo mettiamo le ali alle vetture così sono pronte al decollo, ATM docet”.

Il riferimento chiaro è ai lavori per le strisce tattili per ipovedenti che, da sin troppo tempo ormai, stanno interessando la principale arteria cittadina del capoluogo ricevendo critiche e dissensi non solo dalle forze politiche avverse all’Amministrazione Tranchida ma anche da tantissimi cittadini. “Vediamo di chi sarà la colpa questa volta – chiosano dalle parti di VIA – ad Erice era colpa dell’impresa risultato finale Comune condannato a risarcire i danni; a Trapani? attendiamo con ansia.  Nel frattempo mentre sindaco e assessore sono impegnati a difendere l’indifendibile la città affoga nella spazzatura (ma non siamo la città con la Tari più alta d’Italia?) è invasa dai topi, devastata dal traffico, ridicolizzata per la vicenda dell’assistenza ai diversamente abili e penalizzata dalla perdita dei finanziamenti per non avere approvato il bilancio consuntivo”.

Nella lunga nota politica, il movimento VIA si dedica ovviamente anche alle questioni meramente elettorali che riguardano il Comune di Erice dove si andrà a votare per fine maggio e dove sostiene la candidatura dell’avvocato Piero Spina.

Per VIA, al momento, la situazione che vede l’attuale presidente del consiglio comunale di Trapani, Peppe Guaiana, appoggiare un candidato avversario della Toscano (definita la pupilla di Tranchida) è una situazione paradossale: “Amo Erice costola di Amo Trapani stampella determinante dell’amministrazione Tranchida da qualche giorno ha scelto di appoggiare ufficialmente ad Erice il candidato Gianrosario Simonte, prima vicesindaco e poi avversario conclamato di Daniela Toscano. Il silenzio tranchidiano non fa rumore, fa molto rumore; un rumore assordante; e allora? Siamo alle solite Guaiana dall’alto della sua forza si dichiara tranquillo sul presupposto che “can che abbaia non morde senza di noi non può amministrare e quindi non farà niente”. Giusto, politicamente scorretto ma il ragionamento non fa una grinza. E Tranchida? È sempre quello che non si fa tirare la giacchetta da nessuno? a già scusate troppo impegnato a risolvere i problemi di una città che quando ha iniziato ad amministrare era al 106esimo posto su 110 delle città più vivibili ed oggi (classifica 2021) con la sua brillante amministrazione l’ha porta al… terz’ultimo posto 105esima su 107!”

Nel frattempo il movimento VIA sottolinea che l’assessore La Porta è al suo posto e che l’assessore Bongiovanni nonostante gli sfracelli su bilanci e affini è intoccabile. “Altrimenti Turano a Erice…A buon intenditor poche parole” evidenziano con sarcasmo politico.

“Fazio dopo dieci anni lo ricordiamo per l’America’s Cup…… Tranchida tra dieci anni per cosa lo ricorderemo? Ci sbilanciamo!! Pista ciclabile e dossi.” Concludono così la loro nota politica.

Fonte telesudweb.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSuperEnalotto, la Sicilia cala la doppietta: centrati due “5” da 17 mila euro ciascuno
Articolo successivoAll’IC Eugenio Pertini incontro “Educazione alla legalità” con l’arma dei Carabinieri