Rubò provola e pancetta per 10 euro,assolta dopo 2 anni processo

866

Imputata di 69 anni a Trapani compì furto per “fame”

TRAPANI. Il giudice del Tribunale di Trapani Francesco Giarrusso ha assolto una donna di 69 anni di Trapani che era finita nel 2020 sotto processo per aver rubato alcuni generi alimentari da un supermercato della città.

Come scrive il Giornale di Sicilia nelle pagine provinciali di Trapani, la signora, due anni addietro, aveva conservato nella sua borsa mozzarella, provola e pancetta, alimenti dal valore non superiore a 10 euro.

A scoprirla erano stati gli addetti alla sicurezza che l’avevano denunciata. L’imputata non era in aula, a seguire l’udienza. Era presente la figlia. Il giudice, alla fine, ha accolto la tesi dell’avvocato Josemaria Ingrassia.

    Nella sua arringa difensiva, il legale ha chiesto l’assoluzione, affermando che la sua assistita, con la fedina penale “immacolata” aveva rubato non perché fosse abituata a compiere furti ma solo per fame. Il pubblico ministero Marta Martinelli aveva chiesto la condanna a 4 mesi di reclusione. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMigranti: 7 bengalesi morti assiderati, un fermo
Articolo successivoQuasi 300 salvati dal rogo sulla nave, ma ci sono 12 dispersi A bordo dell’Euroferry Olympia della Grimaldi Lines