Consegnato alle autorità italiane il latitante Gammino Gioacchino, inserito nell’elenco dei latitanti pericolosi

913

Catturato dalla Dia in Spagna, a Galapagar (Madrid), il 17 dicembre 2021

ROMA. Alle ore 14.55 di oggi, è atterrato a Roma, all’aeroporto Leonardo Da Vinci, GAMMINO Gioacchino, cl. 1960, inserito nell’elenco dei latitanti pericolosi e arrestato lo scorso 17 dicembre in Spagna dagli investigatori della Direzione Investigativa Antimafia e della Polizia Nazionale spagnola, accompagnato dal personale del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia, che lo ha preso in custodia dalle Autorità spagnole per la consegna alle Autorità italiane.

A carico del GAMMINO, affiliato alla “famiglia Ingaglio” organica alla “stidda” agrigentina, pendeva, dal 2002, un mandato di cattura esteso in ambito internazionale per l’omicidio commesso, nel 1989, in danno di SMIRAGLIA Giovanni, ucciso per errore al posto del fratello nel corso della guerra di mafia che negli anni ’90 ha visto contrapporsi gli stiddari alle vecchie famiglie mafiose operanti nell’agrigentino, faida caratterizzata da oltre 200 omicidi.

GAMMINO Gioacchino appartiene ad una organizzazione altamente pericolosa, tuttora attiva anche in sinergia con Cosa Nostra, nel cui ambito è stato pianificato ed eseguito anche l’omicidio del Giudice Rosario Livatino.

Ad attenderlo in aeroporto i funzionari della Direzione Investigativa Antimafia e della Polizia di Frontiera dello scalo aereo capitolino.

Subito dopo aver toccato il suolo nazionale, GAMMINO Gioacchino, condannato all’ergastolo per omicidio, è stato condotto negli uffici della Polizia di Frontiera di Fiumicino per la notifica del provvedimento restrittivo e per essere, successivamente, condotto presso un carcere di massima sicurezza.

La consegna di GAMMINO Gioacchino alle Autorità italiane è l’epilogo delle articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo e condotte dalla Direzione Investigativa Antimafia, con il supporto dell’Unidad de Droga Y Crimen Organizado (UDYCO) della Polizia Nazionale spagnola, che hanno consentito, nello scorso mese di dicembre, di arrestarlo in Spagna, a Galapagar, piccolo centro vicino a Madrid, ove il latitante viveva con false generalità.

La cattura del latitante, evaso il 26 giugno del 2002 dal carcere romano di Rebibbia al termine di un colloquio con alcuni familiari e mentre erano in corso le riprese di una fiction televisiva, si inserisce nel solco del contrasto alle organizzazioni criminali mafiose condotto incessantemente dalla Direzione Investigativa Antimafia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErice, abbandono rifiuti: individuati altri 70 trasgressori
Articolo successivoInterrogazione sui disservizi marittimi