Covid: da ragazzi Malaspina Palermo appello a vaccinarsi

548

Videoclip “Torneremo a respirare” realizzato da giovani reclusi

PALERMO. Una canzone nata dalla penna dei ragazzi dell’Istituto penale per i minorenni “Malaspina” di Palermo, nella speranza – ora che una luce comincia concretamente ad affacciarsi – di poter definitivamente uscire da questo periodo di pandemia.

E’ questo il messaggio contenuto nel videoclip realizzato dai giovani reclusi, dal titolo “Torneremo a respirare”.

La canzone è stata realizzata all’interno di un laboratorio di scrittura che i “ragazzi del Malaspina” hanno seguito lo scorso gennaio, guidati dai musicisti Claudio Terzo e Serena Ganci, autori della base musicale e della linea melodica.

    “Con questo progetto – racconta la direttrice dell’Ipm di Palermo, Clara Pangaro – si rinnova l’impegno dei giovani ospiti dell’Istituto ad agire in modo concreto per essere parte attiva della comunità sociale. Il cuore di questo videoclip realizzato dai ragazzi si basa sul riconoscimento dell’importanza di un “piccolo gesto” capace di generare pratiche di consapevolezza e responsabilità nei più giovani”.

    “Sient’à ‘mmia, cà addisìu ‘à libertà comu ‘u ciatu (senti a me che desidero la libertà come l’aria da respirare)”, dice uno dei giovani in uno dei versi della canzone. Un sentimento che i ragazzi hanno descritto attraverso la musica e la forza delle loro parole, per invitare alla vaccinazione. A fare da tutor Ornella Longo. La regia del video è di Antonio Macaluso. La canzone è stata realizzata da Rock10elode, in collaborazione con l’Istituto penale per i minori di Palermo e l’associazione D’aRteventi di Messina, per il progetto “Un piccolo grande gesto (per te e per gli altri)”, promosso dall’assessorato della salute della Regione Siciliana, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione per la vaccinazione anti Covid-19. (ANSA)

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani: rapinatore arrestato dalla Polizia di Stato
Articolo successivoGuardia di Finanza sequestrati oltre 300 prodotti non sicuri a Palermo