Truffe alle banche, 5 arresti nel Palermitano

707

Operazione dei carabinieri, finanziamenti con documenti falsi

PALERMO. Grazie a carte d’identità contraffatte, documenti falsi e la compiacenza di un dipendente comunale e di uno regionale, avrebbero ottenuto numerosi finanziamenti da istituti di credito per circa mezzo milione di euro.

I carabinieri della compagnia di Bagheria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di cinque persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata alle truffe e sostituzione di persona, fabbricazione di documenti falsi, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio ed accesso abusivo ad un sistema informatico.

Nell’operazione risultano indagate altre 7 persone. Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Palermo, su richiesta della procura in base alle indagini condotte dalla compagnia di Bagheria tra dicembre 2019 e agosto 2020. Secondo le indagini l’organizzazione avrebbe messo a segno truffe in serie ai danni di numerosi istituti di credito. Il modus operandi era sempre lo stesso. Gli indagati avrebbero rubato l’identità di vittime all’oscuro della truffa per lo più facoltosi professionisti in pensione. Con i documenti contraffatti e la documentazione falsa, sarebbero state avviate pratiche di finanziamento personale, tra i 12.000 e gli 80.000 euro o per l’acquisto di autovetture, che poi sarebbero state subito rivendute a terzi. Della banda avrebbe fatto parte un impiegato dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Palermo che sarebbe stato incaricato di fornire le generalità delle vittime necessarie a compiere la sostituzione di persona (dati anagrafici, stato civile, numero dei documenti di riconoscimento). Un’attività sarebbe stata realizzata attraverso l’accesso abusivo ai sistemi informatici a lui in uso per ragioni di servizio e dietro pagamento di un illecito corrispettivo. Un funzionario del Dipartimento dello sviluppo rurale e territoriale della Regione Siciliana, quest’ultimo già interdetto dai pubblici uffici perché condannato per truffa, avrebbe invece fornito il numero di telefono fisso del proprio ufficio, da indicare nella stipula del contratto a garanzia del finanziamento, per far fronte ad eventuali chiamate di controllo degli istituti di credito, così da poter assicurare telefonicamente che i richiedenti fossero dipendenti regionali. Risultano indagate in stato di libertà anche altre sette persone, le quali avrebbero ‘prestato’ la propria fotografia per la materiale fabbricazione di documenti falsi, poi utilizzati nelle varie fasi delle truffe. Nel corso dell’attività di indagine sono state documentate 18 truffe, commesse nell’arco di quasi un anno per un valore complessivo stimato in circa mezzo milione di euro.

ANSA.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePalermo. Scoperta piantagione di marijuana tra Monreale e San Giuseppe Jato
Articolo successivoComune Palermo, Sindaco: “Abbiamo evitato il dissesto”