Oggi la commemorazione per Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta

863

ALCAMO.  Si è celebrata questa mattina la Santa Messa commemorativa per ricordare la strage di Alcamo Marina in cui sono stati barbaramente uccisi Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta. Una cerimonia più ristretta per via del covid ma comunque sempre molto sentita dalle forze dell’ordine e dall’intera collettività.

Quarantasei anni di silenzi, depistaggi e colpi di scena giudiziari che lasciano ancora senza un colpevole e un mandante il cruento assassinio dei due Carabinieri.

“Possiamo paragonare il carabiniere ad una luce. Una luce che a volte da fastidio, che acceca quelle persone dedite al male. Quella luce deve essere quindi attentata: deve essere eliminata” ha affermato il cappellano militare durante la sua omelia.

“Ma la luce che emana un’appartenente alle forze dell’ordine non può essere spenta, è eterna. Siamo qui infatti, dopo 46 anni, guidati ancora da queste due luci che parlano di legalità, giustizia, ordine e amore nei confronti del prossimo.”

“Salvatore Falcetta che insieme al carabiniere Carmine Apuzzo, 19 e 35 anni persero la vita esattamente 46 anni all’interno della Caserma di Alcamo Marina, quindi all’interno della loro casa, la casa del Carabiniere – ha affermato durante il sui intervento il Colonnello Fabio Bottino -. E questo rende questo dramma, questo omicidio, ancora più odioso. Perché il carabiniere è abituato al pericolo, è addestrato per questo ma non se lo aspetta mentre dorme, a casa sua, inerme. Noi umili e modesti successori di quell’Arma che ha operato in quegli anni molto duri e oscuri ci sentiamo molto piccoli. Il nostro compito e dovere è ricordarli per sottolinearne il valore.”

A conclusione della celebrazione eucaristica un brevissimo corteo ha raggiunto la stele commemorativa sulla quale sono stati depositate la corone di fiori da parte dell’Arma dei Carabinieri, dell’Amministrazione comunale e da alcune associazioni.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteApuzzo e Falcetta, la memoria per la “luce” VIDEO
Articolo successivo“Radio Studio Più” nella Sicilia Occidentale. “Più che di una nuova radio si tratta di una nuova concezione della radio”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.