Omicidio dei due badanti: imputato condannato all’ergastolo

562

Li avrebbe uccisi nascondendone i corpi in giardino per vendetta

SIRACUSA. Giampiero Riccioli, 51 anni, ristoratore siracusano, accusato del duplice omicidio di due badanti – Alessandro Sabatino, di 40 anni, e Luigi Cerreto, di 23 – è stato condannato all’ergastolo dal gup del Tribunale di Siracusa. I due campani, che avevano trovato lavoro a Siracusa come badanti per il padre di Riccioli, erano scomparsi nella primavera del 2014. Tracce dei loro corpi furono ritrovate nel febbraio dello scorso anno nella villa di Riccioli, in contrada Tivoli, a una decina di chilometri da Siracusa. Secondo la ricostruzione della Procura, Alessandro Sabatino e Luigi Cerrato furono legati con delle fascette, fatti inginocchiare e uccisi con un colpo di pistola alla testa. Una vera e propria esecuzione. Dopo il delitto furono sepolti nel giardino della villa in un punto su cui poi è stato realizzato un barbecue in muratura. Secondo gli inquirenti tra Riccioli e i due badanti erano sorti dei dissapori perchè questi ultimi avevano denunciato i maltrattamenti del figlio nei confronti del padre.

    Di qui la decisione di ucciderli per vendetta.

    La Procura di Siracusa, che aveva indagato il ristoratore, aveva presentato richiesta di archiviazione al gip del Tribunale di Siracusa ma un anno fa l’indagine era stata avocata dalla Procura generale di Catania. La difesa aveva chiesto, presentando una perizia di parte, l’infermità mentale del loro assistito, negata dal gip del Tribunale dopo la relazione di un consulente nominato dallo stesso giudice. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCovid: in Sicilia 8.606 i nuovi positivi, 72 i morti
Articolo successivoAssessore comunale del Catanese arrestato dai Carabinieri per omicidio