Ricercato per usura arrestato al porto di Palermo

484
immagine di repertorio

Nei giorni scorsi, i Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo hanno tratto in arresto un 53 enne, originario di Caltagirone (CT), passeggero della nave di linea proveniente da Genova e destinatario di un provvedimento restrittivo della libertà personale emesso, nei primi di novembre 2021, dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania.

In particolare, le Fiamme Gialle del 1° Nucleo Operativo Metropolitano del Gruppo di Palermo, impegnate nel più ampio dispositivo finalizzato alla prevenzione e repressione dei traffici illeciti nell’area portuale procedendo al controllo del flusso dei passeggeri e dei mezzi in transito al porto di Palermo, hanno individuato un soggetto che risultava gravato dalla misura cautelare degli arresti domiciliari per il reato di usura, in concorso con altri, emessa dall’Autorità Giudiziaria e non eseguita poiché lo stesso risultava irreperibile.

Il soggetto destinatario della misura cautelare faceva rientro nel proprio luogo di residenza, in Caltagirone, al termine di un viaggio di lavoro all’estero.

Una volta sbarcato a Palermo, però, i Finanzieri, individuata la vettura sulla quale stava viaggiando, lo hanno tratto in arresto e tradotto sino a Caltagirone, presso il proprio domicilio, per l’espiazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

L’attività di servizio si inquadra nel concorso alla sicurezza interna ed esterna del Paese, mediante attività investigative e altri interventi riconducibili alle funzioni e alle responsabilità strutturalmente attribuite alla Guardia di Finanza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMessina, Green Pass rafforzato per passare lo Stretto. Il sindaco Cateno De Luca inizia sciopero della fame
Articolo successivoIllecite percezioni di contributi a fondo perduto. Denunciati tre imprenditori