Castellammare, punto vaccinale chiuso. Partiti chiedono la riapertura

534

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Con una lettera indirizzata al Commissario Straordinario dell’ASP di Trapani, Dott. Paolo Zappalà, i rappresentanti dei partiti locali di “Fratelli D’Italia”, “Unione di Centro”, “Lega Salvini” e “Cantiere Popolare”, chiedono la riapertura del punto vaccinale del Centro Duchessa chiuso nei giorni scorsi dall’ASP.

“I sottoscritti rappresentanti locali dei partiti – scrivono nella lettera aperta – in intestazione sottopongono alla S.V.I. lo stato di sofferenza in cui versa la macchina organizzativa deputata a contrastare il dilagare della pandemia da COVID19 e, al contempo, a favorire un’intensa campagna vaccinale.

In particolare registriamo lo stato di difficoltà in cui è costretto ad operare il personale ASP che, letteralmente travolto dall’elevato numero di “positivi”, non riesce più a sostenere un’adeguata azione dell’attività di tracciamento.

Tali difficoltà si riversano quindi sull’attività di somministrazione di dosi di vaccino essendo lo stesso il personale che deve occuparsene.

Nel rilevare comunque lo spirito di abnegazione con cui gli operatori hanno fin qui adempiuto alle loro funzioni – basti vedere come altre ASP della nostra Regione sono andate in affanno nei mesi scorsi con numeri notevolmente inferiori di “positivi” rispetto agli attuali – con la presente chiediamo di porre in essere qualsiasi azione volta all’incremento delle unità lavorative presenti sul territorio di Castellammare del Golfo e la contestuale riapertura del Punto vaccinale presso il “Centro Duchessa” al fine di consentire – concludono – una più adeguata attività di tracciamento e una conseguente ed importante campagna vaccinale.

Con l’auspicio che la presente possa avere adeguato seguito e nel rispetto istituzionale che merita il massimo esponente dell’ASP di Trapani, cordialmente salutiamo”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSpari a Messina, un morto e un ferito grave
Articolo successivoBattesimi e cresime, in vigore decreto che sospende i padrini fino al 2024