Castellammare, ordine del giorno della minoranza per “riqualificazione zona Cerri”

554

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. I Consiglieri Comunali di minoranza del gruppo “Castellammare 2.0” Nicolò Coppola, Lorena di Gregorio, Antonio Mercadante e Giovanni D’Aguanno hanno presentato un ordine del giorno per la riqualificazione della zona Cerri. “Premesso che questo gruppo consiliare – scrivono i consiglieri – già il 12 luglio 2019 ha posto, con apposita interrogazione , la delicata questione della “Messa in sicurezza e consolidamento del Costone Roccioso su cui erge il centro storico di Castellammare del Golfo in prossimità del Castello di viale Zangara – a cala marina – intervento volto alla mitigazione del rischio idrogeologico (046-9CS-145 “. Che tale intervento era inserito negli strumenti della programmazione unitaria di coesione – patto per la Sicilia 2016 ; e oggetto di   decreto n.392 del 27 marzo 2019; Che di tale finanziamento  non si hanno notizie; Che a prescindere dalla necessaria messa in sicurezza del costone roccioso, si dovrebbe  realizzare una fase di riqualificazione ambientale di notevole interesse per la città; Che la cala Marina e l’intera zona Cerri, partendo dal lato Sud ed est della Via Impastato devono, a nostro avviso essere pensate come vera attrazione ambientale, con dotazione di viali, verde, giochi per i bambini e parcheggi a servizio degli operatori,  dei cittadini, dei diportisti  e dei  turisti; Che il futuro della città è nelle nostre mani per cui ogni sforzo di progettazione va indirizzato verso una prospettiva  di sviluppo ambientale e valorizzazione turistica; Che come opportunamente ribadito dal Presidente del Consiglio DRAGHI nel messaggio indirizzato ai Sindaci, la gestione dei fondi PNRR obbliga ad affrontare questa occasione irripetibile cercando di fare squadra governo – enti locali; Il consiglio impegna il Sindaco e  l’amministrazione nella predisposizione di una progettazione della zona che in tante porzioni appare in assoluto stato di abbandono”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGreen pass: bigliettaio aggredito da autotrasportatore
Articolo successivoNon c’è pace sotto il cielo dei lavoratori per la raccolta rifiuti AGGIORNAMENTO