“Patrimonio culturale immateriale UNESCO. Il Piano delle Misure di salvaguardia dell’Opera dei Pupi siciliani”

272

Il 30 novembre, il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino ha ospitato il seminario nazionale dal titolo “Patrimonio culturale immateriale UNESCO. Il Piano delle Misure di salvaguardia dell’Opera dei Pupi siciliani”.

L’incontro è stato organizzato dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari che è il referente della “Rete italiana di organismi per la tutela, promozione e valorizzazione dell’opera dei pupi” e che riunisce 13 compagnie della Sicilia, depositarie del patrimonio orale e immateriale dell’opera dei pupi ed è riconosciuta dal Ministero della Cultura come rappresentativa dell’Elemento riconosciuto dall’UNESCO.

Il Piano delle Misure di salvaguardia dell’Opera dei pupi siciliani è stato redatto, primo in Italia, nel 2020 nell’ambito di un progetto promosso dall’Associazione sopra detta, con il finanziamento del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo.

All’incontro ha preso parte l’Assessore alla Cultura di Alcamo, Stefano Alessandra, che afferma: “il Piano è lo strumento per rinnovare e consolidare la consapevolezza dei due livelli dell’Opera dei pupi, da un lato, quello delle pratiche performative proprie dell’Elemento in quanto espressione del patrimonio culturale immateriale; dall’altro, quello della creatività artistica dell’espressione teatrale/spettacolo dal vivo richiamata dalla Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale del 2003.

Continua l’Assessore, al riguardo sono orgoglioso che la nostra Città con il puparo, Salvatore Oliveri, presidente dell’Associazione Culturale “G. Canino” per tutto il 2021 abbia contribuito a tutti gli appuntamenti, in diretta streaming, della Rassegna organizzata dall’Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari-Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, nell’ambito del progetto nazionale “The Image of Oral Thought”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo, il verde pubblico tra manutenzione e alcune criticità
Articolo successivoRaciti: appello Speziale su danni, cita premier e ministro