Nuova vita Adragna, da comandante peschereccio a guida turisti

320

Era sul ‘Capitano Ciccio’ che nel 1998 recuperò Satiro danzante

MAZARA DEL VALLO. Da comandante del peschereccio ‘Capitan Ciccio’ che nel 1998 recuperò il Satiro danzante nelle acque del Mediterraneo a giuda turistica per stranieri statunitensi a Mazara del Vallo, nel Trapanese.

E’ la nuova vita di Francesco Adragna, 67 anni, per tutti ‘capitan Ciccio’, che, andato in pensione, assiste americani che, grazie a un’agenzia di Boston, arrivano per una due giorni in Sicilia per visitare il Museo del Satiro e vedere da vicino la statua bronzea.

Poi al teatro Garibaldi la sorpresa, apprezzatissima, ai turisti: l’incontro con ‘capitan Ciccio’ che racconta la storia del recupero del Satiro, risponde alle loro domande e firma autografi. “Prima della pandemia i gruppi di turisti americani li portavo anche a mangiare a casa mia – racconta Francesco Adragna – preparavo pietanze a base di pesce e gli raccontavo come si viveva a bordo, e andavano via entusiasti”.
Francesco Adragna è per tutti ‘capitan Ciccio’, nel mondo lo hanno conosciuto col nome del motopesca che ha recuperato la statua bronzea dai fondali del Mediterraneo: dalla Francia in Giappone. C’è stato sempre lui, con lo scomparso archeologo Sebastiano Tusa, ad accompagnare il Satiro quando è stato trasferito temporaneamente da Mazara del Vallo per essere esposto in luoghi suggestivi: da palazzo Montecitorio a Roma al museo del Louvre di Parigi e sino all’Expo di Aichi in Giappone nel 2005, dove ha rappresentato l’Italia, e poi nel padiglione imperiale del Museo nazionale di Tokyo. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo: erogazione idrica per stamattina 29 novembre
Articolo successivoCovid: mascherine obbligatorie in centro storico di Taormina