Stalking: medico Asp molestava donna, sospeso da professione

2140

A Catania, sottoposto all’obbligo di firma due volte al giorno

CATANIA. Obbligo di firma in una sede della polizia giudiziaria due volte al giorno e sospensione dell’esercizio della professione in tutte le strutture pubbliche e private in Italia.

E’ il provvedimento, emesso dal Gip su richiesta della Procura etnea, notificato dalla polizia a un medico dell’Asp di Catania accusato di molestie telefoniche e sui social a una donna.

Il professionista era entrato in possesso del numero di cellulare della vittima in maniera illecita nell’ambito dell’esercizio della sua professione.

    Indagini del commissariato Borgo Ognina della polizia di Catania, coordinate dal pool di magistrati che si occupano dei reati che riguardano la violenza di genere, hanno permesso di indentificare l’autore delle numerose telefonate alla donna che, non riconoscendo il numero, non rispondeva alle chiamate e ai messaggi che riceveva. Il molestatore si è allora presentato, dicendo di essere un medico e di prestare servizio all’Asp di Catania, azienda estranea alla vicenda. L’invito della vittima a desistere non lo ha fermato e la donna lo ha denunciato. Le indagini hanno permesso di accertare anche che il medico stalker aveva diversi precedenti per analoghe condotte persecutorie. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCovid: in Sicilia sono 809 i nuovi positivi, sei i decessi
Articolo successivoOperazione No-Vax free. Sgominata la banda dei green pass