Carceri. De Fazio (UILPA PP.): ” Santa Maria Capua Vetere sia la nostra Bolzaneto”

511

“E’ bene che procedimento e indagini stiano andando avanti con celerità perché è necessario e preme soprattutto a noi che si faccia piena chiarezza su quanto accaduto. Se c’é stata la terribile mattanza o comunque, rispetto a quello che c’é stato ed è innegabile rispetto a quello che si vede dalle immagini, è opportuno che si individuino i responsabili anche al fine, però, di apportare i necessari correttivi al sistema perché dopo Santa Maria Capua Vetere non è cambiato nulla nelle carceri, anzi le cose stanno progressivamente peggiorando”. GENNARINO De Fazio, segretario generale della Uilpa Pp. commenta così all’Adnkronos il rinvio a giudizio per 108 tra agenti e funzionari dell’amministrazione carceraria per i pestaggi nell’istituto di reclusione campano.
“Anche la visita del presidente Draghi e del Ministro Cartabia sono stati ad oggi solo una passerella – continua il sindacalista – non sono stati assunti provvedimenti di qualsiasi natura, anche nel disegno legge approvato dal Consiglio dei ministri non c’é nulla che possa riguardare le carceri e la polizia penitenziaria. Bene, quindi, che si vada avanti nelle indagini, speriamo si proceda con altrettanta celerità e che si arrivi a conclusione sia per scagionare quanti sono stati coinvolti in tutta questa baraonda pur non essendone responsabili, sia per individuare le falle sistema che evidentemente ci sono. Santa Maria Capua Vetere serva da lezione, per il sistema carcerario deve essere la nostra Bolzaneto”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePalermo: sequestrati oltre 237 kg di caffé in cialde monouso e un esercizio commerciale.
Articolo successivoA Laura Anello il Premio Forum delle Associazioni 2021