“Green City”, al via il progetto in città Siciliane: “Oltre un milione per condividere buone pratiche ambientali”

330

MARSALA. Comunità del Mediterraneo assieme per promuovere soluzioni idonee ad affrontare sfide attualissime, come il riscaldamento globale e l’inquinamento. Questa, in sintesi, la mission del progetto “Green City” che vede Marsala capofila di un partenariato con Alcamo, Comuni e Associazioni territoriali del Libano e della Giordania, nonché l’Istituto per la Cooperazione Universitaria. Per avviare la realizzazione del progetto, la Giunta Grillo ha approvato la Convenzione che disciplina le attività e le iniziative da porre in essere con le risorse assegnate quest’anno dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Il costo d’attuazione del progetto, della durata di due anni, è di un milione e 125 mila euro che verrà coperto dal finanziamento dell’Agenzia per 900 mila euro e per la restante quota parte da somme degli Enti territoriali che lo hanno proposto.

“Con la firma della Convenzione – sottolinea il sindaco Massimo Grillo – ci prefiggiamo di contribuire alla promozione di uno sviluppo urbano/territoriale sostenibile e resiliente attraverso l’implementazione di misure di adattamento ai cambiamenti climatici in ambiente urbano; la riduzione degli effetti dell’inquinamento nelle città; l‘aumento dell’efficienza dei servizi di pubblica utilità”. Promuovendo l’instaurazione di partenariati territoriali tra il comune di Marsala, il comune di Alcamo e i comuni libanesi di El Ain, Hermel, Boudai e Dekwaneh, di Irbid e Karak in Giordania, il progetto si propone di rafforzare i legami tra Enti territoriali italiani e autorità locali straniere. In pratica, si mira alla promozione di uno sviluppo territoriale sostenibile e resiliente attraverso il potenziamento delle capacità di pianificazione e progettazione urbana in campo energetico e nella gestione dei rifiuti solidi urbani.

Si arricchisce ancora l’idea progettuale “Re City – Mozia” che, sostanzialmente, rappresenta la prima sperimentazione di comunità solidale circoscritta ad un’area sensibile di particolare interesse sotto diversi aspetti. Il progetto, infatti, può costituire un esempio di “buona pratica” e un modello di “economia circolare” che potrà essere condiviso con i partner di “Green City”. “La nostra attenzione ai temi dell’ambiente e dell’ecosostenibilità è molto forte – conclude il sindaco Grillo – e ogni campagna, ogni iniziativa che va nella direzione del prendersi cura del pianeta non può che trovarci pienamente disponibili”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAcqua sporca nei comuni ex EAS, Codici chiede tavolo urgente
Articolo successivoMazara del Vallo. Attività di controllo lungo la filiera della pesca a tutela del consumatore finale