Marsala. Truffe agli anziani: i consigli dei Carabinieri

454

I Comandanti delle Stazioni Carabinieri di Marsala e San Filippo, durante le festività dei Santi, hanno voluto incontrare le persone anziane, spesso le più fragili perché sole, per fornire consigli utili ad evitare le truffe di malviventi che si approfittano di loro.

Sabato 30 ottobre scorso, il Comandante della Stazione di Marsala, Lgt. Pipitone, ha illustrato, presso la Chiesa Maria SS. Ausiliatrice di via San Giovanni Bosco, alla presenza del parroco Don Angelo, le modalità più frequentemente utilizzate dai truffatori: con apparenza distinta, sorriso cordiale, massima disponibilità, i malviventi si presentano in modo amichevole per conquistare la simpatia degli anziani ottenendo, con qualche scusa (spacciarsi per tecnici della luce o del gas, fingere di lavorare per i vicini), l’ingresso nell’abitazione. Qui, mentre solitamente uno dei truffatori intrattiene la persona anziana, l’altro, senza farsi vedere, va alla ricerca di oro e preziosi nei vari scaffali e comodini.

La persona anziana si accorge tardi dell’inganno e, oltre al danno economico, subentrano sentimenti di vergogna e tristezza per l’accaduto.

Il Comandante di Stazione ha dunque spiegato come sia utile non dare mai confidenza a questi falsi “amici”, contattare immediatamente le forze dell’ordine tramite il Numero Unico di Emergenza 112 e, nel frattempo, non aprire mai la porta di casa.

I medesimi consigli sono stati dati anche dal Lgt. Vesuvio domenica 31 ottobre presso la Chiesa di San Filippo e Giacomo, nei pressi dell’omonima Stazione Carabinieri.

Anche qui, una cinquantina di persone anziane hanno apprezzato gli insegnamenti del Comandante di Stazione che ha chiuso l’intervento con il valido motto: “aiutateci ad aiutarvi”, cioè, non aprite la porta e chiamate immediatamente il 112!.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAeroporto Falcone Borsellino: sequestro sostanza stupefacente
Articolo successivoSmantellato un sistema di truffe alle società di noleggio. Arrestato l’organizzatore e sequestrate 52 auto e oltre 820.000 euro