Strutture non sicure, sequestro Teatro greco Eraclea Minoa

302

Indagato presidente Parco di Agrigento

AGRIGENTO. Il Teatro greco di Eraclea Minoa, che si trova a Cattolica Eraclea, nell’Agrigentino, è stato sequestrato a seguito di un’indagine della procura sulle condizioni di conservazione e di sicurezza della struttura che risale al IV-III secolo a.C.

L’operazione è stata condotta dai carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo e quelli della compagnia di Agrigento, in collaborazione con i vigili del fuoco.

I consulenti tecnici incaricati dalla Procura hanno fatto emergere che la copertura in tubi e lamiera zincata del teatro greco costituisce un pericolo per la pubblica incolumità, poiché la sua integrità non è sufficientemente garantita in presenza di vento e di agenti atmosferici avversi, così come accertato nei diversi sopralluoghi effettuati.

Le indagini ipotizzano i reati di “omessa collocazione o rimozione di segnali o ripari” e “omissione di lavori in edifici o costruzione che minacciano rovina”. E’ stato iscritto nel registro degli indagati il direttore del Parco archeologico di Agrigento, Roberto Sciarratta. La struttura in sequestropreventivo è stata affidata in custodia giudiziale alla Soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Agrigento, fino alla esecuzione dei necessari lavori di messa in sicurezza. La copertura, in plexiglass, che serviva per proteggere – in via provvisoria – il teatro greco di Eraclea Minoa è pericolosa ed abusiva. E’ per questo motivo che i carabinieri del nucleo per la Tutela del patrimonio culturale (Tpc) di Palermo e quelli della compagnia di Agrigento hanno sequestrato il teatro e tutta l’area antistante. Il teatro greco risale al IV-III secolo a.C.. Gli accertamenti dei carabinieri del nucleo Tpc di Palermo, con a capo il maggiore Gianluigi Marmora, e della compagnia di Agrigento, che è coordinata dal maggiore Marco La Rovere, hanno fatto emergere che la copertura in tubi e lamiera zincata del teatro costituisce un pericolo per la pubblica incolumità, poiché “la sua integrità non è sufficientemente garantita in presenza di vento e di agenti atmosferici avversi, così come accertato nei diversi sopralluoghi effettuati”. Il teatro è ubicato nella cavità della collinetta a Nord dell’abitato ed è stato costruito in conci di marna arenacea per la maggior parte degli ordini dei sedili mentre la parte sottostante è situata nella roccia. La marna è un materiale che, se esposto agli agenti atmosferici per lunghi periodi, è soggetto a deterioramento. Motivo per il quale la Soprintendenza dei Beni culturali e archeologici di Agrigento aveva affidato, negli anni Sessanta, a un architetto dell’epoca l’incarico di studiare l’isolamento del monumento, coprendo integralmente la cavea con una vetrina incolore e trasparente. L’architetto progettò e fece realizzare – i carabinieri del comando provinciale hanno ufficialmente ricostruito i vari passaggi – una copertura in plexiglass che, alla lunga, anziché proteggere il teatro ne stava provocando la distruzione e che, quindi, venne rimossa e sostituita negli anni Novanta, in ‘via provvisoria’, con la struttura ancora oggi montata a copertura del teatro. Una struttura che è costituita da pannelli in materiale plastico, sorretti da una impalcatura di tubi ‘innocenti’. Una copertura che, appunto, costituisce un pericolo per la pubblica incolumità.

Fonte ANSA.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCaccia: Tar sospende di nuovo stagione in Sicilia
Articolo successivoInsularità: ok unanime del Senato a ddl costituzionale. Musumeci: “Traguardo storico”