Irruzioni neonazisti online, 8 perquisizioni in diverse città: anche a Trapani e Palermo

723

Frasi inneggianti a Mussolini e Hitler sulla piattaforma Zoom

MILANO. Otto perquisizioni sono state eseguite oggi in diverse città dalla polizia nei confronti di altrettante persone indagate per accesso abusivo a un sistema informatico, violenza privata, propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica o religiosa.

L’attività investigativa, coordinata dal capo della sezione Antiterrorismo della Procura di Milano Alberto Nobili e dal pm Francesco Cajani, è partita da un duplice accesso abusivo alla piattaforma Zoom con frasi inneggianti a Mussolini e a Hitler.

Le perquisizioni, coordinate dalla Digos della Questura di Milano, sono state effettuate dai poliziotti delle Digos di Bari, Bologna, Brescia, Palermo, Roma, Torino, Trapani e Treviso. L’indagine trae spunto da un duplice accesso abusivo alla piattaforma Zoom: il primo episodio è accaduto il 26 gennaio 2021 quando, in occasione della Giornata della Memoria, l’Associazione Italia Israele di Venezia ha organizzato un convegno in diretta streaming. La conferenza è stata disturbata da più persone con frasi inneggianti al Duce e offese contro gli ebrei, accompagnate da musica del ventennio fascista. La seconda intrusione ha avuto luogo il 4 febbraio 2021: durante un incontro organizzato dal Comune di Cinisello Balsamo (Milano) si sono intromesse diverse voci con frasi inneggianti al Duce e a Hitler.

Gli autori delle incursioni frequentavano una chat Telegram chiamata “zoommannari”. Sembra non appartengano a gruppi politicamente orientati.

Fonte: ANSA

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare: alunni in mare per progetto di sensibilizzazione
Articolo successivoMafia: inchiesta stragi ’93, in corso perquisizioni