Oggi la conta dei danni causati dall’alluvione di domenica pomeriggio

5509

ALCAMO. Ingenti danni su tutto il territorio comunale si sono registrati dopo il violento nubifragio di ieri pomeriggio. La pioggia incessante che è caduta dalle 17 alle 22 circa ha causato tantissimi danni sia in attività commerciali che nelle abitazioni private.

Cancelli divelti, garage allagati, muretti abbattuti ed auto danneggiate sono solo alcuni dei danni che si sono registrati.

La furia dell’acqua ha ingrossato i torrenti che raggiungono il mare e, come spesso accade quando le piogge sono più abbondanti, ha causato innumerevol

i danni anche ad Alcamo Marina, trascinando con sé fino al mare perfino delle auto.

Danni anche in un supermercato che il cui ingresso è stato sommerso dall’acqua.

Ad Alcamo tra le strutture comunali allagate anche il Pala D’Angelo, attualmente sede dell’Hub vaccinale: l’acqua entrando da una porta ha allagato anche il pavimento della struttura.

Danni anche al Santuario della Madonna dei Miracoli che è stato inondato dai fanghi e detriti che scendevano a cascata da tutta Alcamo.

Piazza Ciullo e Piazza Mercato sono diventati dei laghi in piena e stessa cosa per importanti arterie come Viale Europa, Viale Italia e Corso dei Mille.

Innumerevoli gli interventi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile che hanno lavorato incessantemente tutta la notte per tentare di limitare i danni ed evitare che oltre alle cose ci potessero essere danni anche alle persone, cosa che, fortunatamente, non si e verificata.

Durante la mattinata si è cercato di rimediare quanto più possibile ai danni avvenuti durante la notte anche se ancora in tanti necessitano di supporto che ancora non era arrivato.

Le condizioni meteo sembrano adesso essersi stabilizzate anche se si attende per le prossime ore un ulteriore peggioramento e nuovi rovesci.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTrapani: maltrattamenti in famiglia ed estorsione. 35enne arrestato dai Carabinieri
Articolo successivoSono 390 i positivi nel trapanese alla data del 25 ottobre