Trapani, le scuse non dovute (ma accettate) dell’organizzatore dell’Infiorata di San Domenico

551
Non erano previste, da parte del Maestro Claudio Maltese che è l’organizzatore dell’Infiorata trapanese, le scuse. Probabilmente, se proprio dovessimo muovergli degli appunti, il quadro floreale inerente il tema dell’aborto andava spiegato meglio e non lasciato alla libera interpretazione. Ma, considerato che la manifestazione è a sfondo religioso, ci poteva anche stare. A maggior ragione se, come Maltese ha spiegato a noi de IL LOCALE NEWS, la loro voleva essere solo una riflessione sulla necessità di non lasciare da sole le tante donne che, per vari motivi, sono costrette a ricorrere all’aborto.
Maltese, comunque, considerate le tante polemiche sorte fra ieri e oggi, ha voluto spegnere il fuoco e ha chiesto scusa… quanto meno a chi s’è sentito urtato nella propria sensibilità.

A nome mio personale e dell’Associazione “tradumari&venti”, organizzatori della Scalinata San Domenico “Art&Fiori”, giunta alla sua XI edizione, SI CHIEDE scusa a chi si è sentito mancar di rispetto nel nostro quadro artistico fioristico dedicato all’argomento delicato dell’aborto. Essendo una manifestazione di carattere e contenuti religiosi, basandoci su delle riflessioni di Papa Francesco, avevamo pensato di affidare a Maria questo “nodo” (non in modo negativo).
Il nostro errore sarà stato quello di considerarlo come altri “nodi” realizzati negli altri 16 quadri artistici fioristici. Di questo errore ne chiediamo scusa.
Detto questo, non aggiungiamo altro e ci affidiamo alla Vergine Maria affinchè illumini sempre le nostri menti e i nostri cuori, sia dei credenti e sia dei laici.
Appuntamento alla XII edizione della Scalinata “Art&Fiori” di Trapani (speriamo a Maggio, mese suo naturale, e pandemia permettendo)“.
Senso civico e rispetto del sentire altrui. Siamo noi, a questo punto, che ringraziamo Claudio Maltese per la sua sensibilità.
Sperando che ai piani alti del Comune di Trapani qualcuno possa apprendere come, civilmente, si dovrebbe fare quando si amministra la Cosa Pubblica.
Fonte illocalenews
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteScalinata San Domenico in fiore. La Dichiarazione del sindaco
Articolo successivoAl via il “TuttoFood” di Milano, 40 imprese siciliane selezionate