Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto a favore di operatori economici che hanno avviato l’attività nel 2019 e 2020

2133

Agevolazione

L’Irfis FinSicilia Spa è stata incaricata di gestire agevolazioni nella forma di finanziamenti a tasso zero e contributi a fondo perduto

Il bando prevede un finanziamento agevolato più un eventuale contributo a fondo perduto. L’importo massimo complessivo del finanziamento è pari a 25 mila euro.

Il finanziamento agevolato ha le seguenti caratteristiche:

Importo minimo 10 mila euro;

Importo massimo: 25 mila euro (se non viene richiesto il contributo a fondo perduto);

Durata di 48 mesi (successivi a un periodo di pre-ammortamento non superiore a 24 mesi);

Rimborso attraverso 48 rate mensili costanti;

Tasso di interesse pari a zero;

Nessuna garanzia richiesta.

Per ogni finanziamento è concedibile un contributo a fondo perduto, a copertura del 100% delle spese di sanificazione ed adeguamento dei luoghi di lavoro e di produzione ubicati in Sicilia dei quali il richiedente ha la disponibilità fino ad un importo massimo di 5000 euro.

Destinatari

Destinatari della misura sono PMI (come definite nell’allegato 1 del Regolamento UE n. 651/2014) con sede legale o operativa in Sicilia, danneggiati dall’emergenza sanitaria Covid-19 e che hanno avviato l’attività economica dal 1.1.2019 al 31.12.2020.

Non rientrano tra i destinatari della misura i soggetti che hanno avviato l’attività, oppure stabiliscono la sede legale o una sede operativa in Sicilia, successivamente al 31/12/2020.

Se l’attività è stata avviata nel 2019, hanno realizzato nel 2019 e nel 2020 un fatturato non superiore ad Euro 250.000 annui;

se l’attività è stata avviata nel 2020, hanno realizzato nel 2020 un fatturato non superiore ad Euro 250.000;

I beneficiari devono aver sospeso l’attività economica (per attività economica si intende quella riferita al codice ATECO) ai sensi dei DPCM 11/3/2020, 22/3/2020, 24/10/2020 e 3/11/2020, nonché delle Ordinanze del Presidente della Regione Siciliana emanate nell’ambito dell’emergenza Covid-19 (vedasi Allegato Elenco codici ATECO).

Possono essere ammesse anche le imprese che svolgono attività economica afferente al codice ATECO 55.10 (imprese alberghiere e simili) che non hanno esercitato l’attività economica nel periodo tra il 12/3/2020 ed il 13/5/2020 e/o nel periodo tra il 26/10/2020 ed il 31/12/2020.

Invio richieste

Dalle ore 10,00 del giorno 12 ottobre 2021 e fino alle ore 17,00 del giorno 11 novembre 2021 è possibile procedere alla compilazione delle istanze e dei relativi allegati.

Benedetto La Torre

Dottore commercialista e revisore legale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMovida, controlli di Carabinieri e Nas
Articolo successivoIndebita percezione di reddito di cittadinanza, tre i soggetti individuati