La sentenza di “Cutrara”

4809

Tre assoluzioni e otto condanne. Escono indenni i politici, il sindaco di Castellammare del Golfo Nicola Rizzo e l’ex presidente del Consiglio comunale di Trapani Francesco Di Bono. Condanne per i boss Mercadante e Virga

Esce assolto dall’indagine “Cutrara” il sindaco di Castellammare del Golfo. Era tra gli imputati che avevano scelto il processo col rito abbreviato e per il quale oggi pomeriggio il giudice Tesoriere ha pronunciato la sentenza. Rizzo era imputato di favoreggiamento reale con l’aggravante di aver favorito Cosa nostra. Tutto per un incontro top secret avvenuto con il boss di Castellammare del Golfo Francesco Domingo, detto Ciccio Tempesta (oggi sotto processo dinanzi al Tribunale di Trapani), e per il conseguente suo interessamento per trovare un immobile dove trasferire una struttura residenziale per anziani che Domingo, incontrato da Rizzo a casa del suocero, gli aveva raccomandato. Inizialmente Rizzo fu raggiunto da un avviso di garanzia per concorso esterno in associazione mafiosa, nella fase della richiesta di rinvio a giudizio l’accusa divenne favoreggiamento reale con l’aggravante di aver favorito la mafia. Il pm aveva chiesto due anni per il sindaco Rizzo. Il giudice lo ha assolto con la formula del fatto che non sussiste. Assolto un altro noto politico, l’ex presidente del Consiglio comunale di Trapani Francesco Di Bono, per lui la formula di non aver commesso il fatto, il pm aveva chiesto una condanna a 4 anni e 6 mesi. Altro assolto Carlo Valenti. Ad essere condannati sono stati Diego Angileri, 4 anni, Camillo Domingo 12 anni, Daniele La Sala, 10 anni e 8 mesi, Salvatore Mercadante, 14 anni e 8 mesi, Gaspare Maurizio Mulè, 4 anni e 3 mesi, Antonino Sabella , 8 anni e 8 mesi, Francesco Stabile, 10 anni e 8 mesi, Francesco Virga, capo mafia di Trapani e figlio dell’ergastolano Vincenzo, 4 anni e 6 mesi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUltim’ora: Sindaco assolto
Articolo successivoEvade dai domiciliari e prende il treno
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.