Dieci arresti per concorso esterno in associazione mafiosa, usura e estorsioni tra Bagheria e Villabate

607

Questa mattina, nell’ambito dell’operazione “Araldo”, ad opera dei militari della Guardia di Finanza, in collaborazione con la Compagnia dei Carabinieri di Bagheria, sono stati tratti in arresto dieci persone accusati a vario titolo di concorso esterno in associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al delitto di usura, usura e estorsione aggravate dalla metodologia mafiosa e trasferimento fraudolento di valori.

I militari, applicando il provvedimento di misura cautelare emesso dalla DDA di Palermo, hanno condotto 9 degli arrestati in carcere e 1 agli arresti domiciliari.  Altre 11 persone sono indagate a piede libero. Inoltre, sono state sequestrate preventivamente le quote di una società, un locale commerciale adibito a laboratorio e relativo terreno e un bar-tavola calda di Villabate con annesso chiosco, per un valore complessivo di circa 500.000 euro.

L’attività investigativa, iniziata nell’aprile 2018, ha:
– acclarato l’esistenza di un sodalizio dedito all’usura tra i Comuni di Bagheria (PA), Ficarazzi (PA) e Villabate (PA);
– permesso l’individuazione delle vittime, tutte in evidente stato di indigenza e in una chiara posizione di insolvenza, costrette a rivolgersi agli arrestati per poter ricevere dei prestiti con un tasso usuraio variante. Tassi che, a seconda degli episodi, variavano dal 143% annuo e raggiungevano anche il 5.400% annuo (a fronte di un prestito di 500 euro, la somma da restituire in soli 4 giorni diventava di 800 euro). Alle vittime, inoltre, la restituzione della somma di denaro prestata veniva richiesta mediante violenza o minaccia, a titolo di compendio estorsivo;
– consentito di accertare che le attività illecite venivano svolte con metodologia mafiosa, atteso che i sodali evidenziavano alle vittime la provenienza mafiosa del denaro oggetto di finanziamento, con il chiaro intento di incutere timore e di garantirsi la restituzione degli importi pattuiti.

L’organizzazione criminale, anche con la collaborazione di una funzionaria in servizio presso la società “Riscossione Sicilia S.p.A.” (che forniva illecitamente notizie riservate circa le posizioni debitorie di numerosi soggetti), una volta individuate le potenziali vittime, assicurava loro la possibilità di ricevere dei prestiti ai tassi usurai descritti. L’analisi del considerevole materiale investigativo acquisito anche con articolata attività tecnica e i puntuali riscontri eseguiti dai militari, consentivano di delineare con esattezza i ruoli ricoperti da ciascuno degli indagati.

Tra i vari episodi estorsivi, in relazione ai quali il GIP ha ritenuto fondati i gravi indizi di colpevolezza, è stato documentato anche il coinvolgimento di SCADUTO Giuseppe classe ’46, già capo del mandamento di Bagheria ed all’epoca sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, il quale delegava ALCAMO Atanasio classe ’76, già imputato per 416-bis, entrambi destinatari della misura cautelare oggi eseguita. Sono, inoltre, stati oggi tratti in arresto:

– DI SALVO Giovanni classe ’79, quale capo e organizzatore del sodalizio;
– l’Avv. DEL GIUDICE Alessandro cl. ‘68, in qualità di promotore e procacciatore di clienti;
– NAPPINI Simone cl. ’71, per esser stato intermediario e erogatore materiale dei prestiti;
– TROIA Antonino classe ’64, detto ‘Nino’, RIELA Giovanni classe ‘73, FOCARINO Gioacchino classe ’52, detto ‘Gino’, SAVERINO Antonino classe ’55, detto ‘Nino’, e FUCARINO Vincenzo classe ’47 (agli arresti domiciliari) coinvolti a vario titolo nell’associazione.

L’indagine, convenzionalmente denominata “Araldo”, è stata avviata focalizzando inizialmente l’attenzione investigativa sull’Avvocato DEL GIUDICE, pienamente inserito nel suddetto sistema di erogazione illecita di prestiti, che, in qualità di legale di un “uomo d’onore” intraneo alla famiglia mafiosa di Misilmeri (PA), aveva assunto, ripetutamente, la veste di portavoce del proprio assistito detenuto per messaggi e direttive da veicolare fuori dall’istituto penitenziario, garantendogli la periodica comunicazione con gli altri associati e la gestione indiretta delle attività imprenditoriali, fittiziamente intestate a terzi, nelle quali aveva investito i proventi di pregresse attività delittuose.

L’attività di esecuzione, svoltasi a Palermo e provincia, ha visto l’impiego congiunto di circa 70 militari della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRecuperato un corpo senza vita in località Kartibubbo
Articolo successivoSono 1607 i positivi nel trapanese. Il bollettino di lunedì 20 Settembre 2021