Alcamo. Ordinanza che vieta il bivacco e l’utilizzo improprio dell’atrio del Collegio dei Gesuiti

1282

Il Sindaco di Alcamo ha firmato l’ordinanza che vieta il bivacco e l’utilizzo improprio delle aree e degli spazi pubblici, in particolare del Portico Monumentale del complesso architettonico del Collegio dei Padri Gesuiti, Atrio Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio.

Come stabilito nell’ordinanza, fino al 31 marzo 2022, nel Portico monumentale del Complesso architettonico del Collegio dei Padri Gesuiti e nell’area di circolazione denominata “Atrio Sant’Ignazio di Loyola e San Francesco Saverio” è VIETATO ogni comportamento teso ad occupare lo spazio pubblico in modo improprio, come assembramenti di persone sedute sugli scalini, oppure per gioco con palloni, biciclette, skateboard o simili, bivaccarvi, stazionarvi, fermarsi a consumare alimenti e/o bevande sull’area pubblica, introdurre nei predetti luoghi bombolette di vernice spray, imbrattare i muri e le colonne, compiere qualsiasi altro atto contrario al decoro e all’ordine urbano.

Chiunque non osservi le disposizioni su richiamate è soggetto all’immediato allontanamento dall’area del Portico, nonché alla sanzione amministrativa da € 25,00 a € 500,00, oltre alla sanzione accessoria del sequestro, finalizzato alla confisca, del materiale utilizzato per il bivacco e\o per giochi impropri, consistenti in cibi e bevande, palloni, skateboards, biciclette o altra attrezzatura od oggetto improprio utilizzato nella sosta presso Portici e all’obbligo del ripristino dello stato dei luoghi, in caso di imbrattamento e insudiciamento del suolo, delle pareti e delle colonne.

Il provvedimento sindacale si è reso necessario a causa dei ripetuti comportamenti, segnalati alla Polizia Municipale, contrari alla legge ed al senso civico che sfociano in atti illeciti; alcune aree del Portico vengono occupate più o meno stabilmente, anche in orario serale e notturno disturbando la quiete, con atteggiamenti di sfida, molestia di passanti, turisti e residenti, consumazione di cibi, alcolici e bevande da asporto e conseguente abbandono di rifiuti e bivacco in area pubblica.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteQuattro i candidati a Sindaco per Alcamo 
Articolo successivoCovid: in Sicilia 471 i nuovi positivi, 28 le vittime