Scambiate in culla appena nate la notte di Capodanno

3823

Scambiate in culla appena nate la notte di Capodanno. A fare scoprire l’errore commesso in ospedale sarà tre anni dopo una maestra, ma involontariamente, quando un giorno – per sbaglio – all’uscita dall’asilo, affida una delle due bimbe alla madre “sbagliata” tanta era la somiglianza fra le due. E in effetti, l’insegnante ci aveva visto bene, perché la donna (a sua insaputa) era in realtà la madre biologica della piccola. Una storia che ha dell’incredibile ma che è realmente accaduta a Mazara del Vallo, tra il 1998 e il 2000. Storia diventata una fiction Rai che andrà in onda giovedì 16 settembre su Raiuno.

Caterina e Melissa oggi hanno 23 anni e ormai sulla loro rocambolesca storia ci ridono su. Si definisco “sorelle”, anzi “gemelle”. E non a caso il titolo della fiction è “Sorelle per sempre”, così come voluto da loro.

Dal giorno in cui la maestra stava per affidare Caterina a mamma Marinella Alagna, data la somiglianza, tutto è cambiato nella vita delle due bambine e delle loro famiglie. Anche Melissa, in effetti, aveva i tratti simili a quelli di mamma Gisella Foderà. Ed è da quel giorno che dubbio su dubbio, si arriva ai prelievi di sangue che poi sveleranno l’assurdo scambio in culla. Complici la notte di Capodanno, fra brindisi e festeggiamenti, e le due bimbe nate a distanza di 15 minuti l’una dall’altre. Melissa doveva stare al posto di Caterina e Caterina al posto di Melissa. Una storia che ricorda quanto accade nell’ironico film “Il 7 e l’8” di Ficarra e Picone.

Le madri Gisella e Marina, dopo qualche mese di incontri con psicologi e giudici per capire il da farsi, insieme ai rispettivi mariti ed al resto delle famiglie, hanno affrontato il cambio di casa per le due figlie, avvenuto con una grande festa di compleanno.

Le due bimbe, oggi ragazze ventenni, sono cresciute praticamente come sorelle. Hanno frequentato le stesse scuole, circondate dall’effetto di entrambe le famiglie Foderà e Alagna. fonte gds.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMarsala: la Polizia di Stato arresta in flagranza un giovane per detenzione e spaccio
Articolo successivoRifiuti, elevate altre sanzioni da parte degli Ispettori Ambientali