Marsala schola. Trasformazione contratti di lavoro a full time. Soddisfazione Fp Cgil, Cisl Fpl e UilFpl Trapani

344

MARSALA. “Esprimiamo viva soddisfazione per l’obiettivo raggiunto, fonte di una trattativa instaurata tra le organizzazioni sindacali e il Consiglio d’Amministrazione di Marsala Schola. Un ulteriore plauso per il lavoro svolto va agli uffici amministrativi dell’Ente sotto la direzione della dott.ssa Celona”.

Ad affermarlo i segretari di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Trapani Enzo Milazzo, Rosario Genco e Giorgio Macaddino.

“Dopo l’accordo raggiunto per la contrattazione decentrata sul salario accessorio – aggiungono -, si è concretizzata la trasformazione dei contratti a full time del personale a tempo parziale dell’istituzione scolastica, a significare che il confronto sinergico fra le parti può essere proficuo e sostanziale nell’interesse dei lavoratori e dell’utenza cittadina. Riconosciamo al sindaco di Marsala Massimo Grillo di aver dato il giusto impulso individuando un Consiglio di amministrazione, nelle persone dell’avvocato Sergio Bellafiore, Luigia Ingrassia e Salvatore Virzi, che ha dato una svolta epocale all’Ente dimostrando competenza e professionalità”.

Adesso si pensa a ulteriori obiettivi: “Il prossimo passo sarà quello della riqualificazione e dell’aggiornamento professionale di quel personale, con contratto atipico e ridotto, che potrà garantire un miglioramento della qualità dei servizi dell’istituzione scolastica “Marsala Schola”. I tre sindacalisti invitano, infine, il sindaco di Marsala, sulla scorta del confronto già intrapreso, “ad avviare un percorso parallelo che possa trasformare i contratti a full time al personale comunale, al fine di rendere migliori servizi alla comunità marsalese, ridare dignità lavorativa e una migliore sostenibilità economica a tutta la platea dei lavoratori a tempo parziale in servizio al comune di Marsala”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa mamma di Denise: aspetto da 17 anni ma nulla è cambiato
Articolo successivoSequestrati oltre 1300 articoli non sicuri e calzature a marchio contraffatto a Piana degli Albanesi