Fuoco nella Riserva delle Saline Trapani-Paceco: occorre più prevenzione

406

Domenica scorsa, 29 Agosto 2021, nella “Riserva Naturale Orientata delle Saline di Trapani e Paceco”, sono divampati a Nubia, in territorio comunale di Paceco, due incendi a distanza di poco tempo, in due diverse aree. A dare l’allarme, attorno alle 15,30, è stata la direttrice della Riserva Silvana Piacentino. Il pronto intervento dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e dei volontari delle associazioni Humanitas e Angeli del Soccorso assieme agli interventi di prevenzioni eseguiti negli scorsi mesi, hanno fatto la differenza, scongiurando il peggio.

I danni infatti, ci sono stati ma fortunatamente circoscritti, evitando la totale distruzione dell’area in cui vive la Platycleis decorana drepanensis. Il sito infatti del “Pantano Baiata” è acquisito al patrimonio della Regione Sicilia, per tutelare la presenza della cavalletta, endemismo puntiforme unico al mondo. Vista l’esperienza del passato, erano stati implementati nell’area i lavori di prevenzione attraverso la realizzazione di ulteriori interventi con fasce parafuoco a salvaguardia del pantano naturale.

Un secondo incendio è divampato nelle vicinanze, immediatamente circoscritto dagli uomini dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile ancora impegnati nello spegnimento delle fiamme presso il pantano naturale e una struttura adiacente. La concomitanza dei due roghi non lascia dubbi sulla matrice dolosa degli incendi. Nonostante il tempestivo intervento e le misure messe in atto quando brucia un’area all’interno di un sito protetto, il danno non si può misurare esclusivamente in termini di superficie percorsa dal fuoco: un’area come quella della Riserva Naturale delle Saline rappresenta un sito di elevata biodiversità, dove ogni centimetro di territorio è importante in termini di tutela di specie vegetali, animali ed habitat, in un territorio già fortemente sottoposto a diverse minacce e pressioni.

In questo caso – si legge in una nota stampa – le opere di prevenzione eseguite nel pantano, rallentando l’avanzata dalle fiamme hanno agevolato le operazioni di spegnimento ma fondamentale è stato senz’altro il pronto intervento delle squadre la cui immediata e risolutoria azione ha scongiurato che le fiamme alimentate dal forte vento potessero estendersi su tutta l’area. Programmare ed eseguire per tempo i necessari interventi di prevenzione, come parafuochi o decespugliamenti controllati, e’ basilare per una corretta gestione del territorio, ma occorre anche investire risorse economiche in sistemi tecnologici ed innovativi che agiscano con efficacia a protezione del nostro patrimonio naturale. Gli interventi di prevenzione sono stati eseguiti in parte con fondi della Riserva ma soprattutto nell’ambito del progetto, attualmente in corso, finanziato con Fondazione del Sud, in collaborazione con Legambiente. Grazie al progetto la Riserva ha infatti, adeguate risorse economiche destinate alla prevenzione incendi che si attua anche attraverso il prezioso ruolo di volontari che presidiano il territorio durante il periodo estivo. È importante che ognuno faccia la propria parte. I comuni devono fare la loro parte nella prevenzione e lotta agli incendi, programmando ed eseguendo per tempo i lavori necessari ed predisponendo il catasto incendi per le aree bruciate, così come i privati devono attenersi al rispetto delle ordinanze sindacali di prevenzione degli incendi. La devastazione provocata dagli incendi dolosi riguarda TUTTI NOI, infligge danni al patrimonio tutto, alle attività e alle persone. La collaborazione tra tutte le autorità impegnate nella lotta contro gli incendi e la presa di coscienza della collettività sono tra gli elementi cardine di contrasto all’azione criminale di chi vuole distruggere il nostro patrimonio naturale.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSi schianta contro tre auto parcheggiate e aggredisce i Carabinieri. Arrestato un uomo di Mazara
Articolo successivoInchiesta Ong: al gip distruzione intercettazioni giornalisti