Navi di Classe A per le isole siciliane, pendolari e turisti ancora delusi

741

Per Pantelleria navi degli anni 70, protestano i residenti e i turisti

Ci sono volute oltre 6 ore nella giornata di ieri per raggiungere il porto di Mazara del Vallo per la nave Pietro Novelli, partita dalle 16 da Pantelleria. Le condizioni proibitive del mare hanno costretto il comandante della nave a seguire una rotta alternativa per evitare onde alte e pericoli per i passeggeri. Invece di giungere al porto alle 20.30, i passengeri hanno dovuto attendere le 22,30 circa per scendere dalla nave.

Navi degli anni 70 per Pantelleria.
Ritardo a parte, legato alle condizioni meteo marine, quello che salta all’occhio è la condizione della nave. Non solo della Pietro Novelli ma anche di tutte le altre imbarcazioni che collegano le isole minori. Sono gli stessi passeggeri a protestare tramite Direttasicilia.

Una nave varata nel 1979
Nel caso di specie, la nave Pietro Novelli, è una imbarcazione varata nel lontano 1979. “Oltre ad essere piccola e non adatta a condizioni meteo come quelle registrate ieri, è anche vecchia”, dice un pendolare. Che la nave sia ormai avanti con l’età lo dice la data della sua realizzazione.
Altro esempio di navi che dovrebbero andare in pensione, ma che continuano a servire le isole, è la nave Lampedusa, che al momento viene utilizzata per la tratta Trapani-Pantelleria. Quest’ultima è stata varata nel lontano 1973. Insomma, navi di quasi 50 anni solcano i mari delle isole minori quando la Regione in tempi non sospetti aveva promesso mezzi nuovi, veloci e rispettose dell’ambiente.

La promessa non ancora mantenuta dalla Regione
“Nuove navi di classe superiore per Pantelleria, Linosa e Lampedusa. Arriveranno dalla prossima stagione primavera-estate”, questo l’annuncio nel dicembre 2019 dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.
Falcone aveva comunicato che dalla stagione primaverile in poi i collegamenti da Porto Empedocle e Trapani, per le tre isole minori della Sicilia, dovevano essere garantiti con nuove navi di classe “A”, della lunghezza di 130 metri. Lo aveva detto in risposta ad un’interrogazione del Pd.

C’erano 130 milioni di euro stanziati
Era stato pubblicato sul sito del ministero delle Infrastrutture il decreto che stanziava 130milioni per l’acquisto di tre navi e due aliscafi da mettere al servizio delle isole minori della Sicilia. Due imbarcazioni dovevano essere destinate alle Pelagie e alle Eolie, mentre la terza imbarcazione all’isola di Pantelleria. Ad oggi però è solo un sogno per turisti ma soprattutto residenti.

* fonte direttasicilia.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Sicilia non dovrebbe passare in zona gialla. In mattinata la conferma
Articolo successivoSalemi, al via la riqualificazione del piazzale tra via Leonardo da Vinci e via San Leonardo