Alcamo: “Inside Outside i (nuovi) luoghi dell’arte. Il museo diffuso e lo spazio urbano” tavola rotonda Collegio dei Gesuiti

411

Sabato prossimo, 10 Luglio alle ore 17:45, al Collegio dei Gesuiti, una Tavola Rotonda dal titolo “Inside Outside I (nuovi) Luoghi dell’Arte. Il Museo Diffuso e lo Spazio Urbano”, promossa da INSA (Istituto Nazionale Sostenibile Architettura) con il partenariato del Comune di Alcamo, in gemellaggio con Fondazione Monte Verità di Ascona (CH) e con la partecipazione dell’Università degli Studi di Palermo.

Il programma prevede dopo i saluti – del Sindaco Domenico Surdi, dell’assessore alla cultura, Lorella Di Giovanni, del presidente del Comitato Scientifico INSA, Giuseppe De Giovanni e del presidente degli Ordine degli Architetti Trapani, Giuseppina Pizzo, – gli interventi di Salvatore Cusumano, presidente dell’Istituto Nazionale Sostenibile Architettura, Francesco Tuzzolino, professore di Composizione Architettonica e Urbana UNIPA, Nicoletta Mongini, direttore Cultura Fondazione Monte Verità di Ascona, Enzo Fiammetta, direttore Museo delle Trame Mediterranee, Fondazione Orestiadi, Maria Fratelli, direttore Case Museo e Progetti Speciali Comune di Milano, Salvatore Tedesco professore di Estetica, Dipartimento di Scienze Umanistiche UNIPA, Michele Tavola, conservatore Gallerie dell’Accademia di Venezia, Andrea Giuseppe Cerra storico e collaboratore de La Repubblica Palermo, Marco Cordero Artista visivo; a moderare sarà Chiara Gatti, critica d’arte e giornalista de La Repubblica.

I progetti discussi durante la tavola rotonda troveranno applicazione concreta in un progetto sul territorio nato da un gemellaggio fra musei e istituzioni.

“La città come museo a cielo aperto, come teatro e palcoscenico. Gli spazi aperti per le iniziative, le esposizioni, gli incontri. La natura e le piazze come stanze senza confini. Gli esperti si confrontano su iniziative che, in questi mesi post pandemia, hanno dato voce a questa esigenza. Da un impegno condiviso può nascere una rete, un progetto diffuso. Alcamo potrebbe proporsi quale città animatrice in una rete della cultura nazionale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl ricordo vivo di Leonardo Renda a 72 anni dal suo assassinio per mano mafiosa
Articolo successivoI 100 anni di Carlo Viola, al centro la famiglia e il lavoro