PD Valderice: “Le questioni devono essere affrontate e non solo annunciate”

326

“Una novità la scelta  del confronto democratico del gruppo consiliare dei “Popolari per Valderice”, aderenti al Movimento VIA alleato con gli Autonomisti Siciliani federati con la Lega di Salvini”.  Così in un comunicato il partito Democratico valdericino, ma lo stesso specifica il pensiero continuando: “Tale scelta rappresenta una novità dopo circa tre anni di silenzio e di sostegno nei confronti del Sindaco Stabile. In relazione a ciò, continuiamo a ribadire che, nella qualità di rappresentanti della maggioranza che governa Valderice, le questioni dovrebbero essere affrontate per essere poi deliberate. Limitarsi ad annunciarle, abilita a pensare che si è trattato di un solo effetto propagandistico. In più, la risposta dei “Popolari per Valderice” conferma i limiti dell’azione politico-amministrativa dell’attuale maggioranza. Noi, invece, ritorniamo a chiedere di intervenire, al fine di fronteggiare la grave crisi determinata dalla pandemia, in maniera efficace su tre fronti: “rideterminazione significante del valore delle aree edificabili ai fini del calcolo per l’IMU, riduzione dell’IMU per le attività produttive, riduzione della tassa sui rifiuti incomprensibilmente aumentata del 20% dalla Giunta Stabile”.
Per altri versi, avendo poco da dire e da proporre, si tenta di mistificare la realtà sulle questioni del Porticciolo Turistico di Bonagia e sulla Zona Artigianale. Ma la cosa più grave è che proprio i Popolari per Valderice hanno sostenuto le iniziative della Giunta Iovino che hanno portato alla perdita dei finanziamenti per entrambe le infrastrutture. I Popolari per Valderice hanno la memoria corta. Perchè dovrebbero ricordarsi bene che quella Giunta, rinunciò, incomprensibilmente, al progetto complessivo del Porticciolo Turistico di Bonagia (opere marittime, rimessaggio, viabilità di accesso, pontili etc) bloccando l’iter già avviato con l’Amministrazione Blunda, per seguirne un altro che prevedeva la c.d. “Messa in sicurezza del Porto” (un investimento parziale con il solo utilizzo delle risorse del Patto Territoriale) incongruente con il finanziamento a suo tempo concesso dal Ministero, non conforme con il Piano Regolatore del Porto e poco realistico rispetto all’intervento riguardante la Poseidonia Oceanica esistente. Proprio quelle scelte sbagliate hanno determinato la perdita del finanziamento. I Popolari per Valderice sostenevano allora le decisioni prese da quella Giunta di cui l’attuale Sindaco faceva parte.
Ma i Popolari per Valderice hanno pure dimenticato che sostennero l’iniziativa della Giunta Iovino con la quale si mise da parte il progetto per la realizzazione delle opere di urbanizzazione della Zona Artigianale di c/da Seggio per optare sulla Zona Industriale di C/da Sciare. Risultato finale: la perdita del sicuro finanziamento della Zona Artigianale e nessun risultato per la Zona Industriale che rimane ancora oggi priva di opere di urbanizzazione.
Atti e progetti giacenti presso il Comune di Valderice e presso l’Assessorato regionale Attività Produttive possono comprovare quanto stiamo affermando. Anche in questo caso, siamo disponibili ad un confronto pubblico mirato a ristabilire una veritiera e corretta informazione. Cosa che la giunta Stabile e la maggioranza che la sostiene, dovrebbe garantire ai cittadini valdericini. Per noi, fra l’altro, progettualità lungimirante sul Porto, sulla rete fognaria e depurazione a partire dal versante Nord , rivisitazione e potenziamento della rete idrica e del tele controllo, valorizzazione della zona costiera anche definendo bene il PUDM (Piano di utilizzo del Demanio Marittimo), associati ad atti e comportamenti quotidiani trasparenti, mirati ad una corretta informazione dei cittadini, continuano ad essere la stella polare per una buona politica. Infine, manifestiamo la nostra soddisfazione per l’annunciato finanziamento per la riqualificazione, di un tratto di 300 metri, del vecchio borgo di San Marco, storicamente luogo ricco di insediamenti produttivi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGiuseppe Cimarosa: ”Da mio padre colpo a famiglia Messina Denaro ma miei beni confiscati”
Articolo successivoPolizia di Stato: XX Edizione del progetto Icaro in materia di sicurezza stradale