Attività di prevenzione e controllo cercasi. Chi le ha viste? Quest’estate dobbiamo aspettarci il “completamento” della devastazione di Monte Bonifato?

721

“A dispetto degli accorati appelli che questo Comitato ha insistentemente mandato agli organi preposti alla gestione, tutela, valorizzazione, sorveglianza della Riserva Naturale Orientata di Bosco d’Alcamo, abbiamo assistito, ancora una volta, alla distruzione, che ormai si può definire “sistematica” di quello che un tempo fu un rigoglioso bosco di conifere, polmone verde di un intero comprensorio, regolatore del clima, scrigno di biodiversità, luogo di ristoro di menti e corpi, e potremmo continuare ancora per molto, ad elencare la preziosità racchiusa in appena 335 ettari”. Così in un comunicato il Comitato Residenti Monte Bonifato e continua:

“A nostro parere non una delle tante azioni, che avrebbero potuto essere messe in atto, in decenni di incuria e abbandono, è mai stata seriamente presa in considerazione da chi, se non altro per dovere istituzionale, dovrebbe tutelare il bene comune. Quello di cui però non si tiene conto è che però, le coscienze sono cambiate e in questa ritrovata visione, il Comitato per la Tutela e Salvaguardia del Monte Bonifato, ha inoltrato alla Procura della Repubblica un esposto, a firma dei suoi numerosi componenti, perché vengano acclarate responsabilità, omissioni, negligenze, ove presenti. Siamo fiduciosi di un attenta analisi di quanto accaduto durante il lungo e penoso sviluppo dei recenti fatti, che tolgono ad una intera comunità, anche la dignità di farne parte. Noi residenti auspichiamo altresì che le ordinanze vigenti vengano fatte rispettare e che le medesime amministrazioni che le emanano le rispettino esse stesse, non solo per dovere di coerenza verso i cittadini, a cui spesso si attribuiscono semplicisticamente responsabilità di incuria dei terreni, ma soprattutto per rimuovere tempestivamente i pericoli che insistono lungo la strada che porta a Monte Bonifato (lungo la strada, adiacenti ai terreni vi sono erbacce e sterpaglie che in taluni punti sono talmente sviluppate che costringono i conducenti di veicoli a percorrere la strada al centro della carreggiata) nonché nelle contrade “fastuchera, tre noci, via kennedy e bottino”.

Questo comitato inoltre, stante le previsioni meteo dei prossimi giorni, in cui sono previste temperature oltre i 35 gradi, preoccupato per le azioni folli che ne possano discendere, chiede l’attivazione di misure straordinarie di controllo e prevenzione anche attraverso il coinvolgimento di associazioni di volontariato di protezione civile, ove, ovviamente non già previste.

Attendiamo di sapere quali misure di prevenzione saranno poste in essere nel periodo estivo e nelle giornate ad alto rischio, per prevenire incendi che non si aggiungano a quelli degli anni scorsi e che possano “completare” il quadro di devastazione e perdita di superficie boscata cui assistiamo impotenti da troppo tempo e che mettono a rischio anche le vite ed abitazioni dei residenti”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePolizia di Stato: XX Edizione del progetto Icaro in materia di sicurezza stradale
Articolo successivoSantangelo (M5S): “Altre 44 opere sbloccate, tra queste anche la Variante nel tratto Trapani-Mazara”