“Programmare le strategie di intervento e di prevenzione degli incendi boschivi”

467

Il 3 Giugno presso questa Prefettura, si è svolta in videoconferenza la riunione presieduta dal Prefetto Filippina Cocuzza, al fine di programmare le strategie di intervento e di prevenzione degli incendi boschivi e d’interfaccia, in vista dell’imminente stagione estiva”. Questo l’incipit di un comunicato delle Prefettura. Una riunione su un argomento che nelle settimane scorse è stato al centro delle cronache e delle polemiche.

Si legge, sempre nel comunicato, che alla riunione hanno partecipato, fra gli altri, “i Sindaci e i Commissari Straordinari dei Comuni della provincia, i rappresentanti del Libero Consorzio Comunale, delle Forze dell’Ordine, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale e di tutti gli Enti che concorrono nell’attività di prevenzione e di contrasto all’annosa e delicata problematica dei predetti incendi”.

“Nel corso della riunione, il Prefetto ha richiamato l’attenzione delle Amministrazioni comunali sull’importanza della predisposizione e del costante aggiornamento delle Pianificazioni comunali d’emergenza, rivolgendo particolare attenzione ai piani riguardanti gli incendi di interfaccia, i quali prevedono interventi di competenza degli Enti locali in raccordo informativo con le Strutture regionali”.

“Il Prefetto ha altresì invitato gli Amministratori Locali ad un puntuale aggiornamento del Catasto delle aree percorse dal fuoco, in relazione alla conseguente applicazione dei vincoli previsti dalla legge, nonché a predisporre ogni utile intervento a carattere preventivo per la ulteriore riduzione del rischio di innesco e di propagazione degli incendi boschivi, soprattutto in prossimità delle zone antropizzate, delle infrastrutture strategiche, della rete viaria e dei siti oggetto di tutela ambientale e naturalistica. In relazione a ciò, è stata evidenziata la necessità di predisporre apposite ordinanze sindacali per imporre ai privati, che non vi provvedano spontaneamente, la pulizia e la scerbatura dei propri terreni limitrofi alle aree boschive”.

“Sono state inoltre sensibilizzate le Polizie Municipali, allo scopo di intensificare, con l’eventuale apporto delle associazioni di volontariato, i servizi di controllo del territorio, specialmente nelle fasce orarie e nei giorni in cui è maggiore il rischio di incendi in ragione delle condizioni metereologiche, e le Forze dell’Ordine, al fine di assicurare il consueto impegno operativo ed investigativo per accertare le responsabilità penali in caso di incendi dolosi. Il Prefetto ha infine invitato i partecipanti alla riunione a segnalare alla Prefettura ogni eventuale situazione di rilievo, al fine di individuare ulteriori e più efficaci modalità operative in cooperazione e sinergia tra gli Enti competenti per garantire il tempestivo ed immediato intervento a tutela della pubblica e privata incolumità”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBersaglieri della Brigata “Aosta” chiudono l’anno scolastico con 3200 studenti della provincia di Trapani
Articolo successivoCosì hanno disarticolato la Sanità