Incendio sul Monte Bonifato VIDEO-FOTO

4419

Fiamme sul Monte Bonifato di Alcamo. Una brutta storia che si ripete?

Un nuovo incendio sta interessando il Monte Bonifato, sul posto 5 squadre dei Vigili del Fuoco (Alcamo-Trapani-Castelvetrano-Mazara del Vallo-Volontari Vigili del Fuoco di Salemi), Croce Rossa, FireRescue, Corpo Forestale, Anopas e Polizia Municipale. Fuoco e Monte Bonifato, un binomio che porta sempre a brutti pensieri e ad uno stato d’animo negativo, non ha importanza l’entità, troppe volte abbiamo dovuto piangere vegetazione e fauna. Naturalmente non si può azzardare ipotesi sulla natura e sulla causa dell’incendio, ma il pensiero ci riporta agli incendi che hanno martoriato negli anni la montagna alcamese e che alcuni, pochi, hanno giustificato con lo scirocco come se fosse un’entità sovrannaturale. La stessa che forse ha pensato di far incendiare la zona dove ci sono le antenne televisive su Monte Pellegrino, anche lì vigili del fuoco, protezione civile e forestale in azione.

Aggiornamento

Il fuoco, partito oggi pomeriggio dal versante nord-ovest, sta minacciando ampie zone abitate. Le fiamme continuano a lambire le case, incessante è l’intervento dei Vigili del Fuoco. Le fiamme hanno interessato tutto il versante lungo via Kennedy e sono ormai giunte a valle, minacciando molte villette.

La situazione continua ad essere critica. I vigili del Fuoco operano senza sosta, le forze dell’ordine, e i volontari della protezione civile stanno monitorando la situazione e sono pronti ad evacuare i residenti della zona. Parecchi i cittadini che hanno evacuato le abitazioni per precauzione.

Aggiornamento 7.35

In azione un canadair e il fuoco sembrerebbe totalmente domato. Un grande lavoro di squadra ha portato allo spegnimento dell’incendio che ieri pomeriggio e per tutta la notte ha interessato il Monte Bonifato. Sul posto ancora due squadre dei Vigili del Fuoco.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa mafia si sconfigge facendo memoria, cultura e rete VIDEO
Articolo successivoAncora non c’è la stagione della responsabilità