Covid: sorelle positive picchiano ostetrico e fuggono, denunciate

1195

Erano in ospedale per ecografia perché incinte

GELA. Un ostetrico dell’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela è stato picchiato da due sorelle in gravidanza e positive al Covid che subito dopo sono fuggite insieme alla madre. Una volta rintracciate dai carabinieri a Riesi, paese nel quale risiedono, le tre donne sono state denunciate a vario titolo per lesioni ed epidemia colposa.

Le due donne, una al settimo mese di gravidanza e l’altra all’ottavo, si erano recate a Gela per una visita di controllo. Dopo essere state sottoposte al tampone rapido, con esito positivo, sono state sottoposte al molecolare e sistemate in due stanze diverse in attesa della visita. E da lì sono nati i primi battibecchi. Quando l’ostetrico ha sottoposto una delle due sorelle all’esame la donna ha allontanato l’ecografo e gli altri strumenti, e si è scagliata contro il sanitario. Nella stanza hanno fatto irruzione anche la madre e la sorella, a quanto pare arrabbiate perché volevano assistere l’una all’ecografia dell’altra. Dopo aver picchiato l’ostetrico sono fuggite alla volta di Riesi, dove sono state rintracciate dai carabinieri e denunciate.

Fonte: ANSA.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSiracusa, positiva al Covid va in vacanza e dal medico: lei denunciata, gli altri in quarantena
Articolo successivoEnna, impedito a una giornalista l’accesso in tribunale. Assostampa e Odg Sicilia: «Inaccettabile»