Castelvetrano. Due donne vessate chiedono l’aiuto dei Carabinieri: ora si trovano in un centro antiviolenza

603

I Carabinieri della Stazione di Marinella, al termine di due interventi e degli accertamenti del caso compiuti a seguito delle richieste di aiuto di altrettante donne, hanno deferito in stato di libertà due uomini per i reati, a vario titolo, di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

Più in particolare, una donna ha chiesto l’aiuto dei Carabinieri a causa del perdurare nel tempo di violenze fisiche e verbali commesse del marito, un castelvetranese di 61 anni, gravato da precedenti di polizia, sempre per futili motivi. Nell’ultimo episodio di violenza la donna è stata strattonata e colpita al volto alla presenza delle figlie minori. Dopo aver esposto i fatti e reso formale denuncia per il reato di maltrattamenti in famiglia, la donna è stata accompagnata dagli stessi Carabinieri presso il locale Pronto Soccorso dove ha ricevuto le cure del caso.

I Carabinieri hanno accertato una situazione simile anche nel corso delle attività eseguite dopo aver raccolto le dichiarazioni di una donna di 41 anni, minacciata e molestata verbalmente in diverse occasioni dal proprio compagno, un mazzarese della stessa età, gravato da precedenti di polizia, tanto da indurla in un permanente stato di ansia e paura per la propria incolumità.

Entrambe le donne con i propri figli minorenni, sono state accompagnate presso un centro antiviolenza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione “Sotto scacco”, 40 arresti per mafia
Articolo successivoAl porto di Trapani la nave Sea Watch 4 con a bordo 455 migranti