Abbandono rifiuti: individuati finora 150 trasgressori ad Erice

255

ERICE. Continua la lotta del Comune di Erice all’abbandono indiscriminato di rifiuti nel territorio che spesso dà luogo a vere e proprie microdiscariche. In tal senso, sono 150 trasgressori individuati finora tramite l’uso di un apposito sistema di videosorveglianza, nell’ambito di una strategia di monitoraggio del territorio da parte della Polizia Municipale.

“Considerata la proliferazione di questo triste fenomeno, – commenta la sindaca Daniela Toscano – negli scorsi mesi è stato potenziato il servizio di controllo da parte della Polizia Municipale che ringrazio. L’auspicio di tutti noi è che la continua individuazione di trasgressori e la visione di video come questo che immortalano l’inciviltà dei loro gesti, possa creare una forte presa di coscienza condivisa in tutti gli ericini, fungendo non tanto come deterrente quanto, invece, come stimolo per il senso civico, finalizzato al rispetto dell’ambiente e al decoro del territorio”.

“Non possiamo più tollerare comportamenti incivili da parte di chi non intende proprio adeguarsi alle regole – aggiunge l’assessore alla Polizia Municipale-Ecologia e Ambiente, Vincenzo Giuseppe Di Marco -. Tali azioni scellerate ed irriguardose, immortalate dalle videocamere, mettono in luce un comportamento sprezzante nei confronti della collettività, che vanifica non solo gli sforzi dei cittadini che effettuano correttamente la raccolta differenziata ma anche quelli del Comune, costretto ad intervenire ogni giorno per ripulire le aree sporcate, coi conseguenti costi a carico dei contribuenti. Ringrazio gli agenti della Polizia Municipale impegnati sul campo, augurandoci che non si debbano più dar luogo ad azioni straordinarie come queste, consentendo loro di potersi dunque concentrare su altrettanto importanti aspetti”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSequestrati presso il Poseidon 1600 Dispositivi di Protezione Individuali non conformi
Articolo successivoPorto di Palermo: 180 assunzioni tra Portitalia e Clp, altre 14 nel biennio