Contrasto alla violenza di genere, protocollo d’intesa tra Procura della Repubblica di Marsala e Ufficio Scolastico Regionale

445

MARSALA. Lo scorso 29 marzo, tra la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XI – Ambito Territoriale di Trapani, è stato siglato un Protocollo d’intesa per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza di genere nelle scuole presenti nel circondario di competenza della Procura della Repubblica di Marsala.

Tale protocollo si inserisce nel quadro di un più ampio progetto avviato da tempo dalla Procura, finalizzato alla repressione del fenomeno della violenza di genere, nella piena consapevolezza che la riduzione dei reati contro le fasce più deboli della collettività sia possibile solo attraverso l’utilizzo di strumenti alternativi e complementari rispetto a quelli propri del processo penale.

In tale ottica, già in data 1O dicembre 2019, è stato istituito presso i locali della Procura uno Sportello per l’ascolto delle donne vittime di violenza, la cui gestione è stata affidata alle associazioni “Metamorfosi ONLUS” e “Casa di Venere”, due enti operanti da diversi anni sul territorio marsalese, formati da diverse figure professionali pronte ad assicurare un’accoglienza e un’assistenza psicologica, materiale e legale in favore di ogni vittima indipendentemente dall’esistenza di un procedimento penale.

Attraverso il nuovo protocollo, si intende adesso guardare al mondo scolastico con un duplice obiettivo: in primo luogo, si intende avviare un percorso di sensibilizzazione, informazione ed educazione degli alunni e delle loro famiglie sulle tematiche connesse alla violenza di genere in modo che si adottino buone prassi per l’abbattimento degli stereotipi di genere; in secondo luogo, si intende contribuire all’emersione di episodi di violenza fisica, sessuale e psicologica patiti dai giovani in ambito domestico o nell’ambito di relazioni sentimentali, così da garantire un immediato sostegno e intervento da parte delle istituzioni pubbliche. In tale duplice ottica, attraverso il nuovo protocollo, gli istituti scolastici presenti nel circondario della Procura della Repubblica di Marsala (Campobello di Mazara, Castelvetrano, Marsala, Mazara del Vallo, Pantelleria, Petrosino, Salemi, Vita), hanno assunto i seguenti impegni: Individuare tra gli insegnanti dei responsabili /referenti, che saranno punto focale dedicato alle tipologie d’intervento attinenti il fenomeno della violenza e dell’abuso; saranno coloro che lavoreranno a stretto raggio con le operatrici dello “Sportello Antiviolenza” e che accoglieranno le richieste degli alunni; Curare la raccolta, l’elaborazione e la trasmissione dei dati disponibili relativi al fenomeno allo scopo di collaborare all’attività di monitoraggio costante realizzato con le operatrici dei Centri Antiviolenza; Favorire, organizzare ed implementare azioni di sensibilizzazione, informative ed educative finalizzate agli ambiti sopra descritti rivolte alle Scuole, coordinandosi e raccordandosi in stretta; sinergia agli altri soggetti firmatari del Protocollo al fine di rafforzare la cultura del rispetto e della non violenza; Partecipare alla progettazione ed organizzazione, nonché garantire la partecipazione del proprio personale, alle iniziative formative specifiche finalizzate all’ampliamento ed alla specializzazione del patrimonio di conoscenza e di esperienza degli operatori allo scopo di creare “esperti” della rete; Favorire la definizione e/o l’adozione di protocolli operativi e di griglie procedurali di intervento, in caso di maltrattamento, violenza sessuale ed abuso a danno di donne e/o bambini, operando in stretta sinergia con gli altri Enti ed Associazioni firmatarie del Protocollo.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti è possibile contattare il ”referente” M. C. Giacomo Davide Bertolino, Sezione Polizia Giudiziaria – Aliquota Carabinieri – della Procura delle Repubblica di Marsala, all’utenza 0923-765468 -mail: giacomodavide.bertolino@giustizia.it.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLombardo: “E’ necessario mantenere sede della Condotta Agraria e dell’Irvo Sicilia” VIDEO
Articolo successivoConfisca di beni per 1.500.000 euro a carico del vecchio boss Lo Bue