Truffatore incastrato dai poliziotti della Pg di Trapani

1414

Specialista nei raggiri si era spacciato per finanziere capace di cancellare procedimenti giudiziari

Nel pomeriggio di venerdi 26 marzo u.s., personale dell’Aliquota Polizia di Stato della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Trapani ha tratto in arresto COVATO Giorgio nato a Scicli (RG) 1l 26 agosto 1980, noto truffatore seriale, colto nella flagranza del delitto di truffa in danno di un esercente commerciale trapanese.

Specificatamente, il COVATO è stato colto nell’atto di ricevere la somma di 100,00 €, due banconote da 50,00, che l’esercente gli aveva appena consegnato per presunte spese da marche da bollo, e che corrispondevano a quelle che la stessa persona offesa aveva proceduto a fotografare precedentemente alla consegna, le cui immagini erano state trasmesse alla Polizia il giorno prima.

L’arrestato, di fatto, aveva indotto il commerciante in errore con artifizi e raggiri consistenti nell’affermare di essere un appartenente alla Guardia di Finanza, a nome Thomas, e nell’offrirsi ad aiutarlo con la famiglia nelle pratiche relative ad una procedura esecutiva pendente presso il Tribunale di Trapani; a riguardo della quale nelle gionate precedenti si era fatto consegnare la somma di 430.00 per “diritti di cancelleria.”

L’attività d’indagine scaturiva dalla denuncia-querela sporta dal commerciante che, recatosi presso gli uffici della Procura della Repubblica di Trapani riferiva che il precedente lunedi 22 si era presentato presso il negozio un individuo che affermava di chiamarsi Thomas, che si qualificava come appartenente alla Guardia di Finanza, e dichiarava di essere in servizio da pochi giorni presso la Procura di Trapani.

Questi si rivolgeva alla figlia dell’esercente, e dopo essersi complimentato per la buona fattura di un uovo di Pasqua esposto in vetrina, proponeva alla ragazza di organizzare un sorteggio avente come premio proprio quell’uovo e le chiedeva il nunero di telefono per successivi contatti.

In occasione dei successivi incontri con la giovane volti all’organizzazione del sorteggio, l’uomo le rappresentava di essere a conoscenza della situazione patrimoniale debitoria della famiglia e indicava i nomi del giudice, degli avvocati e dei curatori interessati alle varie procedure in corso, che mostrava di conoscere dettagliatamente. Il “Thomas” le aggiungeva anche di avere contattato il curatore della procedura, allo scopo di “farselo amico”, e di essere in grado, dietro il pagamento di diritti di cancelleria ammontanti a circa 430,00 euro, di acquisire dagli uffici della Procura gli atti necessari a “risolvere tutti i problemi”, che il legale di famiglia a quel momento non era stato in grado di superare.

La capacità di esposizione dei fatti dell’individuo, l’appartenenza alla Guardia di Finanza, la conoscenza approfondita delle procedure, sommati alla speranza di dare una svolta alla difficile sirtuazione processuale, inducevano il commerciante a convincersi della buona fede del “Thomas” ed a corrispondergli, tramite la figlia, la somma richiestagli, oltre che copia del proprio documento d’identità e la tessera sanitaria.

Al fine di fugare ogni dubbio in merito alla appartenenza all’Aliquota della Guardia di Finanza in servizio presso la Procura di Trapani, l’uomo dava diversi appuntamenti alla figlia dell’esercente presso il Palazzo di giustizia di Trapani, fingendo di uscire dall’edificio all’arrivo della ragazza o facendosi comunque trovare nelle vicinanze.

L’uomo arrivava anche ad affermare al commerciante che la sua disponibilità ad aiutarlo era subordinata alla disponibilita della figlia a mostrarsi “più disponibile” e meno diffidente nei suoi confronti!!

A quel punto, però, avendo il commerciante anche appreso dalla figlia che il “Thomas” si era rifiutato in più occasioni di esibire il distintivo di riconoscimento mostrandosi offeso della sua mancanza di fiducia, aveva cominciato ad insospettirsi di essere stato raggirato e si era dunque recato presso gli uffici della Procura per riferire l’accaduto.

Dagli accertamenti immediatamente svolti sulla base delle indicazioni ricevute dal commerciante, il personale dell’Aliquota Polizia di Stato della Sezione di P.G. riusciva ad identificare l’uomo presentatosi come “Thomas” per poi organizzare le fasi d’indagine successive.

Cosicché il Thomas si presentava presso il negozio e consegnava alla moglie dell’esercente il blocchetto dei biglietti invenduti, ma non il denaro incassato dalla vendita effettuata ai colleghi, che affermava sarebbero stati consegnati da una collega in busta chiusa.

Nell’occorso, dopo una breve discussione, il COVATO comunicava all’esercente di avere speso 106,00 per lacquisto di marche da bollo e lo informava che avrebbe ricevuto la documentazione la settimana successiva.

A quel punto il commerciante estraeva dal proprio portafogli due banconote da 50,00 e (che aveva provveduto a fotografare) ed una da 10,00 € e gliele aveva consegnate. Il COVATO restituiva quella da 10,00 € accontentandosi di cento euro.

E da lì scattava il blitz della Polizia che portava all’arresto del COVATO immediatamente dopo che quest’ultimo aveva intascato quella che, di fatto, era stata la seconda dazione di denaro.

Il COVATO malgrado la sua abilità a sfuggire alla cattura in quasi tutte le occasioni in cui si è reso protagonista, stavolta non riusciva a farla franca e, a seguito di perquisione personale, oltre al denaro, gli venivano sequestrati tutti i bigliettini staccati dal blocchetto delle polizze destinate al sorteggio dell’uovo, che aveva asserito davanti al Giudice in dibattimento, durante l’interrogatorio, di avere venduto ai suoi colleghi!

Infine, gravato di numerosissimi precedenti penali, soprattutto specifici, riportati in tutto il territorio nazionale, al COVATO tratto a giudizio con il rito direttissimo nella giornata di sabato (successiva al suo arresto), oltre la convalida dell’arresto veniva disposta l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Inoltre, atteso che il giudizio si definiva nelle forme del rito abbreviato in seguito alla richiesta dell’imputato, il Giudice lo condannava alla pena di mesi dieci (10) di reclusione e mille euro di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSequestrato patrimonio di oltre 8 milioni di euro a Michele Licata, il “Re” delle sale di intrattenimento di marsala
Articolo successivoIl Comitato Europeo delle Regioni a fianco della Sicilia sul tema dei costi dell’Insularità