Marettimo, fruttivendolo arrestato per spaccio di droga

999

MARETTIMO. Nel pomeriggio di mercoledì appena trascorso i Carabinieri della Compagnia di Trapani hanno tratto in arresto per il reato detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti D.A. classe 74, venditore ambulante di frutta e verdura dell’isola in quanto sorpreso a spacciare cocaina. L’uomo infatti con i costanti viaggi a Trapani per il rifornimento di merce ortofrutticola garantiva anche l’approvvigionamento di stupefacente sull’isola.

Allertati da una segnalazione anonima i Carabinieri hanno impiegato poco tempo a notare gli strani movimenti che l’uomo attuava direttamente sul posto di lavoro. Gli uomini dell’Arma infatti hanno constatato che, nonostante lo scambio di soldi, alcuni acquirenti andavano via senza aver acquistato alcun prodotto ortofrutticolo. Decidevano quindi di intervenire sottoponendo l’ambulante a perquisizione personale.

I dubbi dei militari sono risultati fondati in quanto, all’interno della tasca dei pantaloni, l’uomo nascondeva 4 dosi di cocaina. Estesa la perquisizione presso il suo domicilio sull’isola venivano rinvenute ulteriori 14 dosi della stessa sostanza per un peso di 10 gr. complessivi, sottoposti a sequestro.

L’arrestato, espletate le formalità procedurali, è stato tradotto presso la sua residenza, a Trapani, in regime degli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida svoltasi nella giornata di ieri al termine della quale veniva convalidato l’arresto e applicata la misura del divieto di dimora nel comune di Favignana e di conseguenza su tutte le Egadi.

Rimane alto l’impegno dei Carabinieri in favore delle Isole minori sia sulla terra ferma con la Stazione ed il posto fisso sia sulle coste e in mare grazie al Battello pneumatico CC405 riuscendo ad assicurare la presenza tempestiva su tutte le isole dell’arcipelago con interventi rapidi e costanti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteQuestore di Trapani applica “Daspo Willy” nei confronti di due pregiudicati marsalesi
Articolo successivoGrave atto intimidatorio a imprenditore antiracket di LiberoFUTURO Agrigento