Area boschiva di Monte Inici, associazioni chiedono incontro a Sindaco e Assessorato Regionale

986

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Con una lettera le associazioni ambientaliste hanno richiesto un incontro con il Sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Rizzo, con l’Assessorato Regionale Toto Cordaro e con il Dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale relativamente alle problematiche dell’area boschiva di Monte Inici. La lettera, sottoscritta dalla sezione locale del CAI, GEI (Gruppo Escursionisti Inici), GTA (Gruppo Trekking Aeronautica), “Zingaro e non solo”, Amici della Terra, Bikers Castellammare e Fai Sicilia.

“Con la presente nota, il CAI Sottosezione di Castellammare del Golfo, il GEI gruppo escursionisti Inici, il GTA Gruppo Trekking Aeronautica, l’associazione “Zingaro e non solo”, l’associazione “Amici della Terra” – Circolo di Castellammare del Golfo, l’associazione “Bikers Castellammare”, la FAI Sicilia Federazione Apicoltori, associazioni ambientaliste e di appassionati che da anni promuovono attività di frequentazione della montagna castellammarese tramite attività escursionistiche, culturali, ambientaliste, costituitesi in rete, chiedono un incontro urgente per affrontare varie problematiche riguardanti lo stato  in cui versa l’area boschiva di Monte Inici.

La ripresa della frequentazione della montagna castellammarese secondo le nostre diverse esperienze di fruizione e valorizzazione della stessa ha messo in evidenza uno stato di abbandono di Monte Inici che richiede interventi urgenti e mirati, al fine di individuare soluzioni efficaci a problemi annosi che puntualmente si ripresentano.

In primo luogo – scrivono le associazioni – va segnalato che gli incendi, ripetutisi negli ultimi anni, hanno inferto al territorio gravi ferite dal punto di vista paesaggistico ma anche statico, risultando i versanti sempre più a rischio frana, la superficie boscata sempre più rada e migliaia di alberi sofferenti e in molti punti cadenti o caduti, ostruendo i sentieri e minacciando l’incolumità di eventuali escursionisti singoli o in gruppi organizzati. Fra l’altro, anche la flora subisce un forte impoverimento, causando a cascata una notevole diminuzione numerica delle api e un decadimento del patrimonio apistico sul territorio.

Inoltre, non bisogna dimenticare che alle pendici del monte si sviluppa il paese di Castellammare del Golfo che, come accaduto già in passato, potrebbe subire ripercussioni disastrose per effetto di fenomeni piovosi di particolare intensità che non troverebbero il giusto argine in un’area boschiva devastata dagli incendi e geologicamente instabile.

Esprimiamo, pertanto, la nostra seria preoccupazione per l’abbandono in cui versa Monte Inici, la più vasta area boschiva della provincia di Trapani, meritevole più che mai di interventi di manutenzione finalizzati alla sua valorizzazione. In particolare segnaliamo che:

Le vie carrabili principali (Belvedere – Fossa del Bue/ Pilato – Fontanelle) risultano ormai impercorribili; I sentieri risultano impraticabili perché ostruiti da alberi caduti che richiederebbero adeguata rimozione, così come gli stessi andrebbero messi in sicurezza da eventuali cadute di alberi; Molti rifugi risultano inutilizzati, privi di manutenzione e destinati a crollare nel giro di pochi anni; Molte sorgenti storiche richiederebbero opportuni lavori di ripristino.

In base a quanto segnalato – concludono – e in considerazione delle potenzialità turistiche ed economiche intrinseche alla valorizzazione e cura di questo bene prezioso ed insostituibile, i rappresentanti delle associazioni firmatarie del presente documento. Chiedono: Alle Istituzioni in indirizzo un incontro urgente per instaurare un rapporto di collaborazione propositivo e collaborativo, affinché si mettano in essere soluzioni efficaci ed interventi efficienti finalizzati alla valorizzazione, anche a fini turistici, di questo territorio, promuovendone una frequentazione sostenibile tale anche da costituire un ottimo deterrente agli incendi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLibera Trapani: “indignazione e preoccupazione per l’ennesima azione legale “temeraria””
Articolo successivoControlli anticovid dei Carabinieri: multe e locali chiusi a Salemi e Campobello