Indebiti percettori di reddito di cittadinanza e lavoro in nero a Bagheria

470

Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’intensificazione del controllo economico del territorio, i Finanzieri della Compagnia di Bagheria hanno scoperto che in un immobile erano in corso lavori edili condotti da parte di due operai in nero, risultati peraltro anche percettori del reddito di cittadinanza.

In particolare, le Fiamme Gialle insospettite dagli accumuli di scarti da lavori di muratura sul bordo della strada, dalla presenza di una piccola betoniera in funzione e dalla totale assenza di cartelli indicanti i lavori in corso, hanno effettuato l’accesso nell’immobile ed hanno controllato la posizione lavorativa degli operai impegnati nello svolgimento di alcune opere murarie.

Alla richiesta di esibire le comunicazioni obbligatorie per l’assunzione degli operai da parte del proprietario dell’appartamento, non veniva esibita alcuna documentazione. A seguito degli ulteriori approfondimenti, è stato altresì constatato che entrambi gli operai erano percettori del Reddito di Cittadinanza.

Al proprietario dell’immobile quale datore di lavoro, verrà comminata una sanzione amministrativa da € 3.600 ad € 21.600, maggiorata del 20 per cento per aver impiegato “in nero” personale già percettore di reddito di cittadinanza.

Per i due operai, invece, sulla base della segnalazione inoltrata, il competente Ufficio INPS provvederà a farli decadere dal beneficio.

L’attività testimonia l’impegno profuso dalla Guardia di Finanza quale polizia economico – finanziaria a forte vocazione sociale a contrasto del lavoro sommerso e a favore del corretto utilizzo delle risorse pubbliche.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEgadi: iniziato il restauro dell’ultimo rostro individuato da Tusa VIDEO
Articolo successivoMiccichè, cominciano le audizioni