PD e Cento Passi sul “caso” padiglione di malattie infettive a Marsala

525

“Il diritto alla salute è fondamentale per i cittadini italiani, ma in provincia di Trapani nonostante la pandemia non sembra essere così, visto il “caso” del padiglione di malattie infettive che dovrebbe sorgere accanto all’ospedale Paolo Borsellino”. Inizia così un comunicato congiunto di Partito Democratico Trapani e Rete Cento Passi per la Sicilia del trapanese, e continua:

“La preoccupazione per l’incertezza sulla tempistica di realizzazione del nuovo padiglione che andrebbe a servire tutta la popolazione provinciale e che eviterebbe il mantenimento quasi per intero della struttura dell’ospedale di Marsala in regime di Covid Hospital, privando i cittadini di diversi servizi sanitari essenziali, ci ha spinto a presentare un interrogazione all’assessore alla salute Razza. Gli on. Caludio Fava e Baldo Gucciardi hanno depositato gli atti per richiedere:

Quale sia attualmente lo stato di realizzazione della struttura di malattie infettive presso l’ospedale di Marsala Paolo Borsellino, quali tempi preveda l’assessorato in merito all’operatività della struttura; I motivi che avevano in un primo momento portato all’individuazione della struttura del San Biagio scartando l’ipotesi, successivamente rivelatasi più congeniale, di interventi presso l’operativo ospedale Borsellino ; Se non si ritenga, comunque, grave il tempo intercorso tra l’individuazione della struttura del San Biagio e la conferma in merito all’impossibilità di procedere ad interventi strutturali presso la stessa”

Un segnale importante che testimonia come l’unità di intenti e il raccordo politico tra i diversi livelli territoriali e le istituzioni, produca azioni utili alla soluzione dei problemi delle persone.

Non siamo disponibili a tacere e a prestare il fianco ad inutili passerelle elettorali, la gestione della sanità pubblica merita maggiori attenzioni e scelte decise, le carenze dimostrate nella gestione della pandemia da parte del governo Musumeci si sta notando anche nella gestione del piano vaccinale”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione Cutrara, seconda udienza dal GUP. Il Comune si costituisce parte civile
Articolo successivoA 105 anni è il siciliano più anziano ad avere già ricevuto il vaccino. VIDEO