“Scrivere di mafia”, nasce antologia

292

CINISI. Circa un anno fa sei giovani promettenti scrittori, tutti under 35, provenienti da varie regioni trascorsero 15 giorni a Cinisi per una residenza letteraria legata alla scrittura di impegno civile dal titolo “Scrivere di mafia”, organizzata da Navarra editore dove hanno avuto la possibilità di incontrare esperti di scrittura – dalla teatrale alla giornalistica, dalla narrativa alla sceneggiatura – che hanno dato loro un forte stimolo a realizzare un racconto che avesse come oggetto la criminalità organizzata.

Da quell’esperienza – lanciata da Navarra editore grazie al sostegno del MiBACT e di Siae, nell’ambito dell’iniziativa “Per chi crea” (Bando 2 – Residenze artistiche) – nasce l’antologia dall’omonimo titolo “Scrivere di mafia” in cui gli autori, con toni diversi e scegliendo modalità narrative proprie – dalla fantascienza al noir, dal monologo teatrale al racconto – entrano nel mondo mafioso.

Vincenzo Cascone sceglie la favola allegorica tra fantascienza e fantapolitica e vola fin sullo Zodiaco per raccontarci “La memoria del Porcospino”; Davide Guarcello, con “Servizi deviati.

Una killer all’ombra delle stragi”, compone un noir in bilico tra realtà e finzione e riprende la “leggenda” della misteriosa killer donna che sarebbe stata dietro alcuni illustri omicidi nella Sicilia degli anni ’80; Sophie Fiesoli si cimenta nella ricostruzione di uno spaccato di vita criminale nella zona portuale di “Livorno”; in “Il vicino” Francesca Maruccia immagina la quotidianità tipica di un latitante, tra ironia e casualità; Lorenzo Ongaro in “Matteo, la mafia e me”, un testo a metà tra il monologo comico e una strana seduta di terapia, sviscera le ossessioni di chi non chiude occhio pensando alle sorti di Messina Denaro; infine Giulia Zeno, in “Segni particolari: nessuno”, inscena un dramma familiare ambientato nella Sicilia di un prossimo ipotetico futuro, in cui la piccola di casa scopre un segreto che lascia senza fiato.

Fonte ANSA

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, viaggio tra i beni confiscati: tra abbandono e riutilizzo sociale (1/2)
Articolo successivoTrapani Calcio, il Sindaco convoca possibili acquirenti