Caltagirone, a fuoco sotto casa l’auto di un cronista

410

Un boato e poi le fiamme. Si indaga sulle cause del rogo

Di Antonio Condorelli

CALTAGIRONE. “Un forte boato, poi le fiamme”. L’auto del giornalista Francesco Scollo è stata divorata dalle fiamme nella tarda serata. Il cronista, collaboratore di LiveSicilia e del mensile “S”, era sceso dall’auto da una decina di minuti e l’aveva parcheggiata sotto casa. Poco dopo è stato allertato dai vicini, che hanno contattato i vigili del fuoco.

Il boato

Secondo una prima ricostruzione, i vicini di casa di Scollo avrebbero sentito due boati, “uno più piccolo e uno molto forte”. Dopo il primo boato sarebbero divampate le fiamme. Tempestivo l’intervento dei vigili del fuoco. Il giornalista è stato ascoltato dagli inquirenti per diverse ore, sono in corso approfondimenti investigativi. I carabinieri hanno acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza di alcune attività commerciali.

Le sue inchieste

Nei mesi scorsi, ignoti hanno fatto irruzione nella casa di Francesco Scollo. Il giornalista ha sempre tenuto un profilo basso. Di recente si è occupato di inchieste sulla mafia del Calatino. Esperto del settore degli appalti, ha ricostruito anche delicate vicende relative ad appalti pubblici. A Francesco Scollo, apprezzato collaboratore, va l’abbraccio della redazione di LiveSicilia e del mensile “S”.

Al cronista Francesco Scollo la solidarietà della redazione di Alqamah.it.

Fonte: livesicilia.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteVaccini anti Covid, Musumeci: “76 mila prenotazioni in 24 ore”. VIDEO
Articolo successivoIncontro tra comitato e commissario straordinario del comune di Calatafimi sul Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi