Presunti reati ambientali a Favignana, Legambiente: “La questione dell’approvvigionamento dell’energia delle Egadi deve essere prioritaria”

472

TRAPANI. “Si è celebrata oggi, presso il Tribunale Monocratico di Trapani, la prima udienza dibattimentale a carico della Sea S.p.A. e del suo legale rappresentante per i reati di inquinamento ambientale commessi nella centrale elettrica di Favignana. Legambiente Marsala -Petrosino , pur non essendo costituita parte civile nel processo, ne seguirà lo sviluppo con estrema attenzione, poiché si tratta di vicende giudiziarie emerse grazie alla denuncia di uno storico attivista e dirigente, Michele Rallo, socio del nostro circolo”. È quando ti legge in una nota dell’Associazione Legambiente, circolo Marsala-Petrosino.

“I fatti di reato contestati riguardano un presunto inquinamento da sversamento di gasolio e presunta mancata bonifica  del sottosuolo della centrale elettrica di Favignana sita in contrada Madonna, che, dopo 40 anni,  ha permeato il terreno giungendo  al livello delle falde, ed interessando quasi 100 mila metri quadrati  di territorio isolano, almeno stando a quanto affermato dalla perizia del pubblico ministro.

Al di là  delle vicende giudiziarie che avranno il loro giusto corso nelle aule dei tribunali, chiediamo alle Istituzioni competenti, a cominciare dal Comune di Favignana, ed in particolare al neo Sindaco Francesco Forgione, di porre come prioritaria  la questione dell’approvvigionamento dell’energia da fonti rinnovabili in tutto l’arcipelago delle isole Egadi, prendendo a modello quanto già accade su altre isole italiane come ad. es. Capri.

La nostra posizione non è nuova,  risale al  2016, quando la stessa SEA spa,  fece richiesta di costruire una nuova centrale alimentata da fonti fossili in una zona agricola sita a due passi da Cala Rossa. La discussione pubblica che ne è seguita ha visto  prevalere  la tesi di chi, come noi, sostiene la necessita di realizzare un cavidotto che porti l’energia dalla terra ferma alle Isole Egadi.

Opzione avallata anche da ricerche scientifiche effettuate  dall’ISPRA e commissionate dal Ministero dell’Ambiente.

Auspichiamo, – conclude la nota – pertanto, che l’attuale amministrazione comunale di Favignana segni una discontinuità netta con quelle passate, e sia in prima fila nella battaglia per l’approvvigionamento energetico green delle Isole Egadi”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOmicidio Nicoletta Indelicato, ergastolo per Margareta Buffa
Articolo successivoMazara, 33enne scoperto fuori casa nonostante gli arresti domiciliari: denunciato