Trapani. Illuminazione pubblica nelle frazioni. Tranchida: “Non esisteranno più cittadini di serie A e cittadini di serie B”

348
Alla fine del 2020, allo scopo di continuare i lavori di riattivazione dei punti luce cessati dalle precedenti giunte municipali, l’amministrazione Tranchida ha deciso di stanziare ulteriori circa € 80.000
“Qualche giorno fa l’inizio dei lavori che porteranno alla riattivazione di ulteriori circa 30 punti luce nelle frazioni di Salinagrande, Rilievo e Marausa, oltre che al ripristino dell’illuminazione di una zona delle frazioni “uccello pio”, che nel mese di dicembre era stata oggetto di un grave furto di cavi, e dello scorrimento veloce in prossimità dell’innesto con la via Salemi”. Questo si legge in un comunicato del Comune di Trapani, che inoltre contiene alcune precisazione dell’assessore Safina ed del Sindaco Tranchida, tra queste quella che “con tale ulteriore investimento, che si aggiunge a quelli già realizzati nel corso degli anni 2018, 2019 e 2020, si sta proseguendo nel percorso di riattivazione, al fine di ripristinare condizioni di sicurezza anche percettiva oltre che i diritti dei cittadini che, seppure pagano le tasse, erano stati privati di un elementare diritto, qual è quello di circolare in sicurezza e di tutelare le proprietà private, che anche a causa dell’assenza di illuminazione, molto spesso, erano divenute oggetto di furti”.
“Ancora una volta, precisa il Sindaco, il Cambiamento parte da ciò che può apparire una piccola cosa ma che in realtà nasconde una delle priorità dell’amministrazione comunale: a Trapani non esisteranno più cittadini di serie A e cittadini di serie B. L’obbiettivo strategico è quello di tutelare i diritti dei cittadini a prescindere dal luogo di residenza e di assicurare la crescita all’unisono del territorio, valorizzando le peculiarità che ciascuna porzione dello stesso possiede”.
CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarabinieri Forestali, il bilancio del 2020
Articolo successivoCovid, Sicilia “zona arancione”: l’ordinanza del presidente Musumeci