L’Anm ricorda l’assassinio del magistrato Ciaccio Montalto

898

TRAPANI. L’Associazione Nazionale Magistrati, sottosezione di Trapani, ricorda l’assassinio per mano mafiosa del magistrato Gian Giacomo Ciaccio Montalto, commesso il 25 gennaio 1983.

“In questo tempo di pandemia, che ci costringe a grevi e dolorose rinunce per proteggere il bene primario della salute individuale e collettiva, l’esercizio della memoria acquista un significato ancora più profondo.

Ricordare Gian Giacomo Ciaccio Montalto – scrivono dall’ANM – significa posare lo sguardo sulla sua vita di uomo e di magistrato: sull’intelligenza arguta, ispiratrice di impegno e dedizione assoluti per il proprio lavoro, sulla libertà del suo pensiero, esempio di indipendenza e fermezza rispetto ad ogni tentativo di condizionamento. L’ANM – sottosezione di Trapani – custodisce il valore prezioso del sacrificio compiuto da Gian Giacomo Ciaccio Montalto che ci chiama ogni giorno al dovere di fedeltà alla Costituzione e alle leggi dello Stato”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteC’è da spostare una macchina
Articolo successivoPolizia Stradale, conclusa attività di controllo del settore trasporto alimentare: 23 sanzioni